Tempo di lettura: 1 minuto

Lecce,BogliacinoLECCE  (di Car. Tom.) – Una partita sofferta, ma con l’obiettivo semifinale ben stretto in tasca. È questo il pensiero di un concreto Mariano Bogliacino alla fine del match contro il Pontedera, vinto dal Lecce solo ai calci di rigore: “Troppa sofferenza? Si, ma siamo contenti per aver passato il turno. Abbiamo offerto una brutta prestazione che spero ci serva da lezione per la prossima gara. Abbiamo saputo soffrire –spiega il centrocampista uruguaiano- contro una squadra che ha giocato meglio di noi e che ci ha messo in difficoltà per tutta la partita. Caglioni? Nicholas ci ha salvato in più di un’occasione, anche perché abbiamo sbagliato alcuni appoggi facili che potevano costarci cari. Ma non pensiamoci più, perché adesso dobbiamo pensare a preparare al meglio la prossima partita e sono fiducioso. Miccoli? Tutti sappiamo il valore del capitano e oggi senza di lui abbiamo faticato in attacco dove siamo stati un po’ troppo sterili, ma lo aspettiamo per la prossima partita”.

Abruzzese, leccezionale.itSorride anche Giuseppe Abruzzese, l’autore del rigore decisivo che ha permesso alla comitiva giallorossa l’ingresso alla semifinale playoff, soddisfatto per il modo in cui il suo Lecce ha saputo soffrire e reagire al frizzante Pontedera: “Sono contentissimo per il passaggio del turno e penso che abbiamo meritato la vittoria per la voglia e la determinazione che abbiamo messo in campo, nonostante alcuni problemi fisici che ci hanno condizionato. Temevamo tantissimo -ha detto il centrale difensivo giallorosso- il Pontedera e sapevamo che ci avrebbe messo in difficoltà, ma siamo stati bravi a fare squadra e a raggiungere la semifinale. Il mio rigore? Si, è vero la responsabilità è stata tanta, ma sapevo già come calciare. Diciamo che sono stato bravo e fortunato”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.