Tempo di lettura: 2 minuti

Lerda, leccezionale.itSQUINZANO (di Car. Tom.) – Avanti tutta: obiettivo primo posto. Per la prima volta da quando è ritornato nel Salento, il tecnico Franco Lerda scopre le carte senza, però, creare false illusioni o fare voli pindarici. L’ex Toro, con la solita concretezza che lo contraddistingue, è consapevole che a questo punto della stagione ed a tre partite dalla fine del campionato, per il suo Lecce non sarà facile, ma Miccoli e soci devono provarci con l’imperativo, l’obbligo, di vincerle tutte e poi stare a guardare: “Ho sempre detto che la gara che ti attende è la più importante; ora lo è ancora di più in quanto il tempo per rimediare ad eventuali errori è minore, per cui tutte le restanti gare diventano decisive. Siamo arrivati ad un punto del campionato – spiega l’allenatore leccese – dove l’aspetto nervoso sarà molto importante. Secondo me chi arriva a 64 punti ha buone possibilità di andare direttamente in serie B. Se possiamo farcela? Male che vada, arriviamo terzi, ma puntiamo ad arrivare primi. Quando sono arrivato il nostro obiettivo era il nono posto e se ora facciamo questi discorsi vuol dire che i miei ragazzi hanno dimostrato di essere un gruppo forte soprattutto dal punto di vista caratteriale, mi hanno seguito fin dall’inizio; la squadra è sempre stata coesa”.

Il discorso rimane, però, sempre fedele a se stesso: pensare prima a battere il Grosseto e poi alla gara che verrà dopo: La partita che ci attende a Grosseto diventa molto importante. Ci attende un impegno complesso e difficile, contro una squadra forte che a gennaio si è rinforzata e che vuole entrare nella griglia dei play-off. In questo campionato nessuno ti regala nulla, quest’anno più che mai”, conclude mister Lerda.

Qui di seguito il video con la conferenza stampa del tecnico di Fossano tenutasi oggi al “Comunale di Squinzano”, prima della seduta d’allenamento del Lecce:

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.