Tempo di lettura: 1 minuto

PAP-CO1LECCE (di Carmen Tommasi) – “I padri devono sempre dare, per essere felici. Dare sempre, l’esser padre sta in questo” diceva Honoré de Balzac. Dare, dare e sempre dare quell’amore smisurato, quel saper dare anche senza ricevere. Quell’emozionarsi, a volte, senza un perché nel guardare il proprio figlio che sia piccolo o diventato uomo, e a sua volta padre.

Quell’amare che va oltre, che sa dare senza chiedere e che sa anche capire senza parlare. Capire dagli occhi, se c’è tristezza. Capire dagli occhi, se bisogna intervenire. Capire poi, quei silenzi del figlio adolescente o di quello maturo in difficoltà, un padre sa farlo. Deve farlo e lo fa.

Si diventa grandi e lui c’è, è onnipresente, e  vuole essere a sua volta  coccolato, amato e volte, protetto dal proprio figlio quando è in difficoltà. La più bella protezione che lui desidera, forse.  Ma no, sicuramente.

E allora, amate, amatelo prima che sia troppo tardi. Facciamogli un sorriso ogni giorno quando si rientra a casa, perché a volte presi dalla quotidianità, ahimè, lo si dimentica. E lui ne ha bisogno. E perché no abbbracciatelo, sempre. Col cuore e con la mente.

Auguri a tutti i papà e a quelli che lo diventeranno.  Auguri  anche a quelli che sono lassù e che guardano da una prospettiva, forse, più agevolata. Migliore.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.