Tempo di lettura: 5 minuti

PascaNARDO’ (di Gabriele De Pandis) – Era il 12 luglio del 2012, una giornata d’estate come tante nel Salento. In un tragico incidente sulla Strada Provinciale 367 perde la vita Andrea Pasca, cestista e parte attiva della Pallacanestro Nardò, sodalizio che porta avanti i valori del basket nella città neretina. Il ricordo di Andrea, ragazzo umile e dedito allo sport come ragione di vita, ha guidato il roster centro-salentino, intitolato alla sua memoria nella stagione successiva e conclusasi con il trionfale successo nel campionato di C/2, raggiunto nella vittoria in gara 3 per 65-32 in finale contro il Ceglie.tabellone Nardò

La vittoria della squadra neretina è stata ovviamente dedicata a lui, cuore pulsante del team, sempre aleggiante nel palazzetto di Via Giannone in ogni allenamento ed in ogni partita con quella canotta numero 9 che campeggia lassù, come se i suoi occhi controllassero la crescita della sua squadra, del suo gruppo di amici e gioissero delle vittorie.

Andrea DuranteFabrizio Durante, guardia in campo e addetto al marketing del club capeggiato dal padre Carlo, racconta le impressioni che hanno accompagnato l’ultimo trionfale atto della scorsa stagione, datato 9 giugno 2013, proprio il “9”, il numero caro ad Andrea: “L’emozione è stata incredibile, il palazzetto era già pieno un’ora prima del match tanto che noi atleti non riuscivamo a trovare parcheggio. Abbiamo ripagato il calore del nostro pubblico dominando fin da subito la partita, presentandoci con un parziale di 30-4 che non ha concesso repliche ai nostri avversari. La vittoria è di Andrea, lui ci dava la forza per andare avanti e per prepararci a questo grande salto; la sua assenza ci ha reso ancor più uniti. Ogni ‘passettino’ in avanti che riusciremo a fare sarà frutto della sua infinita dedizione a questa squadra nel corso degli anni”.Carlo Durante

Presidente condottiero- A tenere alta la bandiera della pallacanestro neretina, rappresentata su palcoscenici sempre più nobili dall’Andrea Pasca, è il presidente Carlo Durante: “Guido questa società dal 2000 e, dopo una piccola pausa, ho ripreso la presidenza nel 2004. Sono fiero dei risultati raggiunti, frutto di tanti piccoli passi. Abbiamo vinto i campionati di D, C/2 e adesso ci troviamo in queste bellissima dimensione della DNC (equivalente all’ex C/1, ndr), categoria giocata benissimo sul campo da noi, ma contornata da qualche delusione nei nostri rapporti con la federazione”. Il presidente Durante è un comandante sanguigno ed innamorato dei colori granata: “Dai ragazzi mi aspetto sempre il massimo; a loro dico che a fine partita, quando si strizzano le maglie, deve uscire sangue”. Il futuro della pallacanestro neretina può essere guardato con ottimismo grazie alla dedizione del presidente: “I progetti per il futuro sono caratterizzati dalla massima ambizione; se a fine campionato avremo la possibilità di salire ancora di categoria nulla sarà lasciato in balìa delle onde”.Valentino Mandolfo

Un gruppo fantasticoValentino Mandolfo, D.s. neretino, è il braccio che gestisce la vita quotidiana dell’Andrea Pasca: “La nostra società è una pietra miliare dello sport neretino e salentino, soprattutto grazie alla passione, sempre presente, messa in campo dalla famiglia Durante. Abbiamo militato sempre tra C/2 e D con alti e bassi, ma portando comunque avanti il movimento cestistico a Nardò. All’indomani di quel maledetto 12 luglio, la squadra è stata subito intitolata ad Andrea. Perché? Andrea era uno di noi (il volto e gli occhi trattengono a fatica l’emozione, ndr), è stato prima giocatore e poi allenatore delle giovanili, con lui stava nascendo qualcosa di importante e diverso rispetto alle altre stagioni”.

Andrea Pasca Nardò 3Una realtà completa– Il successo dell’Andrea Pasca Nardò non è caratterizzato soltanto dalla scalata verticale della prima squadra. La compagine del presidente Durante è anche un florido vivaio di aspiranti cestisti salentini; al riguardo continua il d.s. Mandolfo: “Portiamo aventi con discreta soddisfazione le leve under 17 ed under 15 cercando di curare ogni aspetto della preparazione dei ragazzi; ringrazio chi lavora ogni giorno con noi: Fabiana Liquori, Simone Puscio e Michele Battistini.” La buona conduzione sportiva e societaria della squadra neretina riserva delle bellissime soddisfazioni anche grazie al sempre crescente seguito di pubblico: “Partendo dal presupposto che il basket a Nardò ha avuto sempre un ottimo appeal, sono contento del grande numero di tifosi che ogni domenica vengono al palazzetto per sostenerci. Certamente i nostri risultati positivi hanno permesso l’avvicinamento della cittadinanza neretina alla nostra realtà”.

coach BrayEmozioni a non finire– Il caldissimo tifo che la città di Nardò riserva all’Andrea Pasca non può che far felice il coach Tonino Bray, esperta guida tecnica della compagine neretina: “Sono tornato a Nardò dopo 20 anni dalla mia precedente esperienza da coach; il ritorno sui propri passi è sempre emozionante, specialmente se si è lasciato un ottimo ricordo. Il tifo che ci regala la città di Nardò mi fa contentissimo, i presenti al palazzetto rappresentano il nostro ‘sesto uomo’ in campo: ci fanno correre di più, tirare meglio e difendere con più forza”.

Un coach di grande affidamento- Coach Bray, guru della pallacanestro pugliese, cresciuto cestisticamente con il grande maestro brindisino Elio Pentassuglia, con il quale ha disputato dei campionati di B e A nelle file della Partenope Napoli, è felice delle performance del proprio roster: “Il campionato di DNC ci sta riservando un sacco di soddisfazioni. Eravamo partiti con l’obiettivo di salvarci, ma stiamo facendo benissimo assestandoci al secondo posto e facendo divertire la nostra gente”.

Nuove stelle e gruppo– L’exploit dell’Andrea Pasca nel campionato di DNC non è casuale. In estate, infatti, si sono trasferiti a Nardò elementi di spessore del calibro di Antonio Chirico (ex Monteroni in B/2), Francesco Ferrienti (ex Rieti in B/2) ed Andrea Malamov (ex Brindisi con un passato in A/2 e con una serie di presenze anche nelle nazionali giovanili): “Indubbiamente i nuovi giocatori di categoria superiore ci hanno dato un valore aggiunto, ma questi benefit si sono poggiati su una struttura solida; il problema è stato solo coordinare i ragazzi e permettergli di parlare la stessa lingua; stiamo raggiungendo una bella stabilità, sia offensiva, che difensiva ed i risultati ci stanno dando ragione”. Il coach brindisino, nonostante il successo sia già grande, ha ancora fame di vittorie: “Per quest’ultima fase del campionato mi aspetto il massimo; i ragazzi devono giocare tutte le partite con l’idea di vincere. Dobbiamo conservare la sinergia tra tutte le componenti finalizzata al progresso che ci ha contraddistinto. Sarebbe fatale accontentarsi ora”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.