Tempo di lettura: 2 minuti
parlati 1
Samuele Parlati

LECCE (di Gabriele De Pandis)- Il progetto vincente del direttore Matteo Lauriola, punta di diamante del settore giovanile giallorosso, è basato su una politica ben precisa formata da due aspetti importanti: scelta di calciatori locali, per una fisiologica riduzione dei costi, e lancio di calciatori “sotto età nelle compagini superiori. Quest’ultimo aspetto, tanto decantato da molti, ma realizzato effettivamente da pochi, forma maggiormente i “talentini” del settore giallorosso, poiché li sottopone a scontrarsi con avversari più maturi fisicamente. Alla diversa maturità fisica però i bravi Pasculli-Boys ribattono con un tecnicismo e un tatticismo notevolmente superiore a quasi tutte le compagini concorrenti, come sta dimostrando l’andamento da schiacciasassi dei giallorossi. Una delle icone della scelta vincente di Matteo Lauriola è il centrocampista offensivo Samuele Parlati, nato a Gallipoli il 5 febbraio 1997.

CENTROCAMPISTA D’ATTACCO– “Sam” Parlati descrive subito le sue preferenze per il gioco offensivo: “Sono un centrocampista centrale e mi piace agire nel ruolo di trequartista, pronto a raccogliere le sponde e gli scarichi delle punte per poi cercare il tiro da fuori”. Nella scelta dei moduli preferiti Parlati sceglie due fra gli schieramenti più usati nel calcio moderno: “Gradisco molto il 4-3-1-2, ma la posizione in cui mi schiera mister Pasculli riesce a farmi esprimere bene lo stesso”.

“ANDAMENTO SUPERBO”– Il centrocampista di Racale, capace di collezionare 14 presenze ed 1 gol (siglato nella partita casalinga del “Colaci” contro il Martina Franca), descrive la fantastica stagione dei Pasculli-Boys: “Stiamo facendo benissimo, specialmente i classe 97 come me, Fersini, Chironi e gli altri, contro squadre che schierano ragazzi classe 1994 e 1995; noi, ragazzi più giovani di due anni, però stiamo riuscendo a vincere quasi sempre. L’andamento è stato superbo: siamo partiti bene, abbiamo avuto un piccolo calo, ma lo abbiamo superato in scioltezza riprendendoci da grande squadra”.

“ACCOLTO BENE DA TUTTI”- Il segreto del successo sta anche in un ambiente che supera i confini del rapporto professionale: “Il rapporto con il mister è bellissimo. Lui ha avuto sin da subito fiducia in me, decidendo di portarmi in Berretti dalla squadra Allievi; tutti i compagni mi hanno accolto bene, siamo un gruppo unito e abbiamo un bellissimo rapporto fra di noi fuori e dentro al campo”. Il piccolo primo passo verso il successo raggiunto non porta “giramenti di testa” al trequartista di Racale che s’ispira a Mesut Ozil (centrocampista turco-tedesco da quest’anno all’Arsenal), tanto da studiarlo attentamente in ogni aspetto tecnico-tattico: “Sono felice per quello che faccio nel calcio, ma cerco di stare attento anche allo studio perché lo devo continuare sempre”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.