Tempo di lettura: 4 minuti

imageLECCE (di Pierpaolo Sergio) – Le pagelle di Lecce-Pisa, il big match di questo quindicesimo turno di campionato di Lega Pro, vedono in evidenza i padroni di casa protagonisti di un primo tempo da applausi. Il Pisa mastica amaro per le decisioni dell’arbitro Sacchi di Macerata che lascia i toscani addirittura in 8 uomini a concludere la gara e dimostra come la classe arbitrale della terza categoria italiana debba crescere e ancora tanto per raggiungere livelli di sufficienza. In casa giallorossa brillano Diniz, Amodio, Salvi e Doumbia.

1. PERUCCHINI: Il numero uno leccese torna ad abbassare la saracinesca della porta da lui difesa e dimostra di essere in crescita di condizione pur non dovendo compiere interventi rilevanti nell’arco dell’incontro, se non una deviazione in corner su un colpo di testa di Diniz che intendeva allontanare un insidioso cross, ma infonde sicurezza ai compagni del reparto arretrato oggi privo dell’infortunato Martinez. VOTO: 6,5

2. SALES: Si esprime a corrente alternata, andando ogni tanto in affanno in fase di copertura, ma il suo compito lo svolge anche oggi. A costo di essere ripetitivi, ribadiamo che se aggiustasse mira e misura sui cross si meriterebbe ben altri voti. VOTO: 6

3. LOPEZ: Rientrava dal turno di squalifica ed ha dimostrato quanto sia importante l’apporto che riesce a dare alla squadra salentina. Lo stop di una settimana è sembrato comunque avergli arrugginito un po’ la sensibilità nel tocco della palla, sbagliano qualche appoggio di troppo, ma sulle palle inattive è stato insuperabile a dar man forte sulle “torri” pisane che affollavano l’area di rigore leccese. VOTO: 6,5

4. SALVI: Il centrocampista romano oggi si è espresso sugli stessi livelli di inizio stagione, quando giganteggiava in mezzo al campo. Non ha concesso nulla agli avversari e grazie ad una delle sue incursioni in avanti ha anche provocato l’ammonizione che ha poi portato all’espulsione di Rozzio nel primo tempo. VOTO: 7

5. DINIZ: Ottima la prestazione del difensore brasiliano che oggi ha preso la difesa del Lecce per mano e si è concesso anche il lusso e la gioia del gol che ha subito sbloccato l’incontro. Praticamente perfetto in tutti gli interventi ha disputato una delle sue migliori gare con la maglia del Lecce addosso. VOTO: 7,5

6. VINETOT: Arma era un cliente difficile da addomesticare e spesso ha avuto il bisogno di essere coadiuvato dai compagni di reparto per arginare il colosso marocchino ma, con le buone o con le cattive, ha messo alla fine la museruola allo spauracchio dell’attacco pisano. Allo scadere sfiora pure il gol del 3-0. VOTO: 7

7. MELARA: Croce e delizia di mister Lerda. I numeri per strafare ce li ha, ma a volte non riesce semplicemente a… fare. Lavora una quantità impressionante di palloni ma ne sbaglia almeno la metà, perdendosi a volte in leziosismi ed egoismi che penalizzano la squadra. Tatticamente resta, ad ogni modo, indispensabile. VOTO: 6 — (dal 65′) FERREIRA PINTO: Mezz’ora di gioco per il neo-papà di Thiago (tanti auguri alla famiglia dalla nostra redazione, ndr) e la testa era probabilmente ancora al lieto evento avvenuto la scorsa notte. Si divora infatti un gol facile, facile a tu per tu con Provedel, cosa non da lui. VOTO: 6

8. AMODIO: Mastino del centrocampo insieme a Salvi ringhia su chiunque passi dalle sue parti. Sopperisce alla differenza di età e di velocità rispetto agli avversari con tanta grinta ed un pizzico di mestiere, sempre utile. VOTO: 7

9. BOGLIACINO: Ritrova la gioia del gol addirittura di destro, il piede che lui utilizza soltanto per camminare. La condizione non è comunque quella ottimale e si vede, sbagliando tanti appoggi per lui elementari. VOTO: 6 — (dal 75′) ZIGONI: Poco incisivo nello spezzone di gara che Lerda gli concede sperando che la sua voglia di gol scuota dal torpore gli altri giocatori in campo, ma riesce solo a farsi annullare un gol per fuorigioco che avrebbe dovuto lasciare a Vinetot ormai sulla linea di porta con Provedel battuto. VOTO: 5,5

10. MICCOLI (cap.): Il capitano si meriterebbe un voto esagerato in pagella solo per il siparietto finale, quando “ordina” ai compagni che erano già rientrati negli spogliatoi di tornare in campo per andare a ringraziare, salutare e fare gli auguri alla Curva Nord ed a tutti i tifosi oggi presenti sugli spalti del “Via del Mare”. In campo sbaglia tanto però e dimostra di avere bisogno di altro tempo per entrare in condizione ottimale. VOTO: 7

11. DOUMBIA: Copre e attacca con disinvoltura per tutti i minuti che mister Lerda gli concede. Si conferma un calciatore prezioso per lo scacchiere tattico del tecnico piemontese e rappresenta una costante spina nel fianco per l’avversario di turno pur senza brillare come in altre occasioni. VOTO: 6,5 — (dal 68′) BERETTA: Un paio di incursioni in velocità nell’area pisana ed altrettanti assist non sfruttati dai compagni sono il bilancio dei minuti che l’attaccante gioca al suo rientro in squadra dopo l’infortunio ad un costato che lo tenuto lontano dai campi di gioco per diverse settimane. VOTO: 6,5

All. F. LERDA: Prepara la sfida con Pagliari nei minimi dettagli e lo mette sotto scacco con un primo tempo sontuoso nonostante le numerose assenze patite. Nella ripresa, il Lecce gioca quasi sul velluto in tripla superiorità numerica ma i suoi ragazzi scelgono di tirare i remi in barca e non maramaldeggiare su un Pisa comunque coriaceo. Un atteggiamento che all’allenatore di Fossano non è piaciuto, volendo vedere la sua squadra rendere sempre al massimo. VOTO: 7

Commenti
Articolo precedenteL’Aquila-Frosinone 0-1
Articolo successivoLecce-Pisa 2-0: tanta roba…
Dal 1995 in redazioni televisive (Tele C 10, TV10, TopVideo, Canale 8, VideoSalento, TeleSalento e L'ATV) con conduzione di trasmissioni sportive, culturali, telegiornali (Studio10News, 10News, Tg8, VS Notizie) e trasmissioni sportive (Fuoricampo, Bomber, Replay, Leccezionale TV), politiche (elezioni e referendum), sociali (Telethon ’97); programmi d'approfondimento e commenti di eventi sportivi. Ccarta stampata: Il Corriere del Mezzogiorno, LecceSera, Il Paese Nuovo, Espresso Sud, Città Magazine, Fuorigioco, L'Ora del Salento, Il GialloRosso. Dal 1999 al 2001 redattore a leccesette.it Nel 2002/'03 redattore a legiraffe.it Dal 2006 al 2009 direttore responsabile de “Il Picchio Magazine” Dal 2006 direttore responsabile de “Il GialloRosso” edito dal Lecce Club Centro di Coordinamento; Dal 2006 al 2010 corrispondente dal “Via del Mare” di Lecce per Italia 7Gold per “Diretta Stadio” Dal 2012 opinionista fisso de “Palla prigioniera” su corrieresalentino.it e dal 2016 de "Cuore Giallorosso 1908" su salentotelevision.it Dal 2012 addetto stampa delle associazioni “Noi Lecce” e "Passione Lecce" Dal 2013 direttore responsabile de leccezionale.it e conduttore di "Leccezionale TV"

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.