Tempo di lettura: 3 minuti

mario guerraLECCE – Il fotografo Mario Guerra taglia oggi il nastro di MustBeRight, la rassegna interamente dedicata ai diritti umani che prende il via oggi, alle ore 19:00, presso il Must, il museo storico di Lecce (via degli Ammirati, 11). Domani, per il secondo appuntamento della rassegna ed allo stesso orario, ci sarà invece CPA/rt 4 global wellness con l’anteprima di “Escape&Hope“. 

Fotografo di calibro internazionale,  i lavori di Mario Guerra sono stati esposti in importanti gallerie europee, tra cui la Saatchi Gallery di Londra, l’Espace 111 a Parigi, La Triennale di Milano. Autore di numerose campagne pubblicitarie e pubblicazioni in tutto il mondo e docente di Fotografia all’Università La Sapienza di Roma, il prossimo 12 dicembre Guerra porta a Lecce Gli occhi della schiavitù: macrophoto di volti di richiedenti asilo. I volti ritratti sono di uomini, donne e bambini strappati dai loro paesi d’origine e costretti a vivere lontano dal loro ambiente affettivo e sociale, predati della loro identità e ridotti in schiavitù.

La loro è una storia secolare di dolore, di lontananza, di nostalgia e ingiustizia: una storia di ferite mai rimarginate nell’impossibilità del ritorno in patria e nel distacco che ne ha reciso nel profondo l’identità di persone. Un dolore che sembra potersi ricomporre solo grazie a un grido che si è fatto bandiera di verità nella lacerazione, divenendo il canto di una sofferenza impossibile da condividere. Questo grido è all’origine delle musiche nere, nate come rifugio di speranza.

I ritratti resteranno esposti al Must fino al 12 gennaio (data di fine rassegna) e sono l’estratto di un lavoro concepito da Mario Guerra per un’installazione permanente nel Museo delle Musiche Nere di Dakar in Senegal. Il progetto è stato presentato anche in mostre temporanee all’Isola della Réunion ed a Johannesburg, in Sudafrica, e sarà presentato a Parigi nel 2014. Dopo la presentazione della mostra seguirà uno speech di Mario Guerra sulla tematica dell’immigrazione ed asyluum seeker.

CPart Escape and HopeProtagonista del secondo appuntamento di MustBeRight, il 13 dicembre, alle 19:00, sarà invece il movimento artistico-culturale C P A/rt 4 global wellness con l’anteprima di “Escape&Hope: scatti che fotografano la realtà, i sogni, il dramma dei richiedenti asilo del un centro di accoglienza di Castiglione (Lecce). I lavori sono frutto della collaborazione tra Daniela Pusset (artista e fotografa), Monica Righi (artista e designer) e Ubaldo Talarico (counsellor), tutti impegnati per il rispetto dei diritti umani in diverse aree del Mediterraneo, Medio Oriente e Brasile. Il ricavato della vendita delle opere fotografiche servirà a finanziare la presenza presso la struttura di accoglienza di un insegnante di italiano per stranieri ed un laboratorio artistico-culturale. Quelle culturali, infatti, sono le uniche attività che potrebbero essere svolte all’interno dei centri di accoglienza temporanea, dal momento che le leggi per l’immigrazione vietano  qualsiasi forma di lavoro fino all’esito della richiesta di asilo. A seguire, dopo la presentazione della mostra, una proiezione inedita di sbarchi clandestini nel Salento del 2012.

MustBeRight proseguirà il 20 dicembre con Anna Caputo, presidente provinciale dell’Arci, che presenterà in anteprima Storie di immigrazione, libro dedicato alle storie personali di richiedenti asilo, in uscita per gennaio. “La musica al servizio dei diritti umani” sarà lo spettacolo protagonista la sera del 21 dicembre. Il 3 gennaio i salotti del Must ospiteranno invece il fotografo Ico Gasparri con “Chi è il maestro del lupo cattivo”: immagini riguardanti l’ultimo ventennio di pubblicità sessiste. Il 4 sarà la volta della presentazione dell’associazione The Witchonabike e gli appuntamenti, molti dei quali in via di definizione, andranno avanti fino al 12 gennaio in collaborazione con tante associazioni del territorio che hanno deciso di dare il proprio contributo alla rassegna.

Tutti gli appuntamenti inizieranno alle ore 19:00 e tutte le esposizioni in programma rimarranno allestite fino al 12 gennaio 2014.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.