Tempo di lettura: 2 minuti

Lecce, leccezionale.itLECCE (di Antonio Greco) – C’è chi aspetta la musichetta della Champions League. Niente da fare. Siamo a Lecce. In serie C, anzi in Lega Pro (ma a favore di chi, poi?) E di fronte ai giallorossi non c’è il Real Madrid e neppure il Barcellona, ma il… Prato. I toscani arrivano al “Via del Mare” con una casacca azzurra, sembrano i lealisti di Berlusconi al Vaffa Day di Grillo.

Non a caso, partono a spron battuto, incuranti del blasone del Lecce. Eppure Melara al 4° tenta il gollonzo: palla fuori. Tiboni carica come un toro, ma fa male come un agnellino. Doumbia inizia a cavalcare sula fascia sinistra ma non trova la porta. Poi riecco Puffo Miccoli: il mini-bomber tira da San Donato: il pallone si perde sulla Tangenziale Est.

Martinez c’è sempre: mette una toppa su Lanini, ricuce, stira ma non ammira gli avversari. Bogliacino fallisce la convergenza: sbaglia passaggi a iosa. Il suo compare, armadio-Amodio sembra un Commodore 64, è sempre in modalità “ricerca-rete”. Anche mister Esposito si adegua al clima anni Ottanta e sfodera un giaccone vintage a scacchi nerazzurri appena regalatogli da Tohir.

Intanto, il Prato stuzzica il Lecce prima con Lanini (punizione da 30 iarde) e con Grifoni  che balla il tuca-tuca in area, ma non trova la Carrà. Al 28° riecco Miccoli con un piattone da dimenticare. Un minuto dopo, la svolta: Corvesi, operaio tessile di giorno, difensore di notte, spiana senza complimenti Doumbia. Rosso (diretto) di sera. Ma lo spartito non cambia. Giallorossi  senza idee, i toscani sembrano invece dei viet cong: stanno lì rintanati nella loro trequarti ma poi spuntano all’improvviso.

De Agostini di nome non fa Gigi, ex juventino e nazionale: scappa via sulla sinistra un paio di volte ma, per fortuna, crossa come Tomi, mentre Melara si incarta su se stesso. Al 44° appare in area Amodio: finale già scritto.

cinqueRipresa. Un minuto per vedere Miccoli salire in cielo e tornare rovinosamente a terra. Pentito. Al 12° Cavagna prova ad imitare Alex Del Piero: tiro a giro respinto in angolo da Perucchini che vola stile Superman. Parfait prova a fare il Gegè Gerson ma non ci riesce: corsa tanta, lucidità poca. Al 21°, eccoti il lampo che non ti aspetti: Miccoli si traveste da Bettega e buca la rete con la cabeza. Olè, Vamos, Lecce!

I lealisti di Esposito le provano tutte per raddrizzare l’incontro: al 34° fanno entrare addirittura il giallorosso Papini con la maglia azzurra al posto di Roman: l’arbitro chiude un occhio. Al 35° siluro di Doumbia: angolo. Serrotti non si arrende e mette paura a Perucchini tra il 37° ed il 41°.

Lerda si sbraccia, mentre il giovane Werther Lanini, non indovina un diagonale. Palpitazioni e gesti scaramantici. Fino a quando Parfum-Parfait sbaglia l’ennesimo tiro, arriva Zigoni che infila il 2-0. L’arbitro fischia un minuto prima del termine dei 6 minuti 6 di recupero: la spending review è arrivata pure al “Via del Mare”. Per fortuna.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.