Tempo di lettura: 2 minuti

rev136216(1)LECCE  – L’associazione “Le Ali di Pandora” domani, mercoledì 6 novembre, alle ore 19:30, presenta nella propria sede di via Pistoia, a Lecce la mostra intitolata: “TERRA DI PERMANENZA TEMPORANEA” con il patrocinio della Provincia di Lecce, la Città di Lecce e dell’Accademia di Belle Arti di Lecce. La mostra sarà visitabile fino al prossimo 13 novembre con ingresso gratuito.

All’esposizione del corso di mosaico dell’Accademia di Belle Arti di Lecce, curata da Lucy Ghionna, esporranno: Manuel Alfarano, Serena Alvarenz, Cristina Bortune, Marcello Cazzato, Marzia De Luca, Giacomo Di Michino, Reana Giurda, Maddalena Moretti, Maria Lucia Musca, Maria Grazia Muscogiuri, Sara Manisco, Francesca Nutricato, Natascia Ricci, Lucia Sammali, Erica Viva.

Alle 20:00 si aprirà un incontro-dibattito sul tema “Idem nunc unicum” (identità non è singolarità), interverranno: l’avvocato Maria Rosaria Faggiano, specializzata in diritto dell’immigrazione e Roberta Mandorino Sejdini, arrivata in Italia con gli sbarchi del 1991 ed oggi perfettamente integrata nella nostra provincia.

L’idea del progetto TPT (Terra di permanenza temporanea) nasce dal ritrovamento di un mucchietto di foto sulla scogliera di Otranto alla fine degli anni ’90. Le foto parlano una lingua diversa dall’italiano ed i volti raccontano di una terra lontana. Fu così che TPT divenne un’occasione per raccontare storie di emigrazione e immigrazione. Nel 2006 foto e poesia si incontrano in una performance; nel 2009, con il Liceo Scientifico Vallone di Galatina, si lavora per mesi fino ad arrivare a costruire il sito web http://clandestini93.beepworld.it/

L’obiettivo dell’evento è sensibilizzare e informare sulla tematica: “L’Italia da terra di emigranti a terra di immigrati: cause e conseguenze socio economiche”; inoltre la mostra è anche l’immagine di un libro che ancora oggi si scrive nella sua drammaticità; per una riflessione sulle problematiche sempre attuali dell’immigrazione.

L’arte è da sempre stata al servizio della società, ne ha denunciato la corruzione e il malcostume, l’arte è lo specchio del costume che guarda senza bende ciò che ci accade intorno ed in questa ottica che la professoressa Lucy Ghionna, docente di Decorazione Contemporanea presso Accademia di Belle Arti di Lecce, ha proposto agli studenti del suo corso di Mosaico, nell’anno accademico 2011-2012 le foto in questione. Spiega Lucy Ghionna: “Si è utilizzata la tecnica del mosaico contemporaneo ma anche virtuale ed il collage, polimaterico e recuperato da materiali di scarto. Inoltre si sono ricostruite alcune foto in questione con l’utilizzo dei programmi di restauro digitale e foto-ritocco. L’obiettivo della mostra è promuovere la ricerca creativa e al tempo stesso far conoscere le nuove frontiere dell’arte, avvalendosi di strumenti e linguaggi diversi.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.