Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE (di Carmen Tommasi) – Scrupoloso, attento a ogni minimo particolare e con l’intenzione di dare la giusta sicurezza psicologica al suo Lecce in attesa dell’incontro casalingo di domenica contro il Gubbio. Il tecnico Franco Lerda prepara così l’ottava giornata di campionato con la speranza che Beretta e compagni continuino a fare progressi di gioco, di tenuta  fisica e di classifica.

La comitiva giallorossa è stata impegnata questa mattina in un allenamento di avvicinamento alla sfida contro gli umbri di Cristian Bucchi, gara in cui Lerda dovrebbe riproporre il 3-5-2 fatto vedere nelle ultime uscite ufficiali e su cui ha continuato a “insistere” anche oggi.

Solito lavoro atletico di inizio seduta per gli uomini di Lerda, mentre poi c’è stato spazio per la tattica con il gruppo diviso in due, a cui,  a turno il tecnico di Fossano ha spiegato i movimenti da fare dando continue indicazioni e incoraggiando i suoi a gran voce a ogni giocata corretta. “Corretto, correto”,  diceva l’allenatore alla sua squadra. Esercitazioni sulla manovra a tutto campo a fine seduta e partitella finale in famiglia in cui l’ex Toro ha impegnato i suoi e a cui chiedeva con insistenza il giusto atteggiamento tattico con i reparti corti.

“BELLA” KO – È stato a riposo Tommaso Bellazzini  a causa di uno stiramento degli adduttori della coscia sinistra che lo ha costretto a lasciare il terreno da gioco al 6’ del primo tempo della gara a Pagani e che terrà l’ex fantasista di Vicenza fermo ai box per circa un mese. Il talentuoso giocatore era oggi a bordo campo a osservare in solitudine l’allenamento dei suoi compagni, mentre capitan Miccoli ha continuato a lavorare a parte insieme a Francesco Negro, il  responsabile del recupero infortunati. Il portiere Filippo Perucchini per un risentimento muscolare ha lavorato a ranghi ridotti rispetto al solito.

“BOGLIA” C’È L’amarezza per non poter contare su Bellazzini e Miccoli viene leggermente affievolita dal recupero di Mariano Bogliacino, tornato ad allenarsi insieme ai propri compagni di squadra dopo circa 40 giorni di stop per un problema al polpaccio. Con il ritorno del trequartista uruguaiano, difficile pensare a un suo impegno dal 1’ contro il Gubbio, potrebbe cambiare qualcosa nell’assetto tattico dei giallorossi, ora schierati con il 3-5-2, modulo però che, con il totale recupero dell’uruguaiano, potrebbe diventare anche un 3-4-1-2 con l’ex Napoli a supportare il tandem d’attacco.

PORTE CHIUSE – Per domani mattina è in programma un’altra seduta d’allenamento a porte chiuse, sempre al “Via del Mare” per continuare ad avvicinarsi alla gara contro gli umbri, in programma alle 15.00 e che sarà diretta da Marco Serra di Torino. Mentre sabato mattina è in programma la rifinitura e poi tutti in ritiro in attesa del Gubbio. Gara in cui le due squadre, ferme a quattro punti in classifica, devono cercare entrambe il risultato pieno, o meglio positivo.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.