Tempo di lettura: 3 minuti

LECCE – (di Carmen Tommasi) Quello appena iniziato sarà un campionato arduo e con numerose insidie per il Lecce. In un girone, quello B, con squadre ben attrezzate per la categoria e con delle piazze “calde” in cui il fattore ambientale, e non solo quello tecnico-tattico, la potrà fare da padrone. Ne è consapevole  il patron Savino Tesoro, convinzione questa avvalorata dalla prima sconfitta stagionale della sua squadra nella “bolgia” dello stadio “Arechi” di Salerno: “Ci aspetta un campionato molto più difficile dello scorso anno e di estrema importanza. Non siamo partiti bene, però, sono convinto – spiega il numero uno giallorosso – che faremo bene, ma la cosa di cui abbiamo bisogno è serenità. Serve tranquillità e massima concentrazione per una stagione fatta come si deve”.

CAPITOLO CALCIOMERCATO – Il presidente, originario di Spinazzola, fa poi un bilancio sul calciomercato estivo giallorosso: “Sono soddisfatto, anzi più che soddisfatto, della nostra campagna trasferimenti. Anche perché tutti i giocatori della nostra rosa potrebbero essere titolari in qualsiasi formazione di Lega Pro; è come se avessimo due squadre. Abbiamo una formazione completa che dimostri di avere anche gli attributi, cosa che non è successa lo scorso anno. Poi il responso, come sempre, lo darà il campo. All’inizio dell’estate o, meglio, alla fine del campionato scorso, si pensava che andassi via, ma poi mi sono presentato con Fabrizio Miccoli e tanti altri elementi importanti. I più esperti dicono che siamo la squadra regina di questa sessione di mercato, ne vado fiero. Ma ora dobbiamo concentrarci su una competizione dura che ci ha visto partire col piede sbagliato. Siamo anche riusciti a toglierci il peso di fardelli economici dello scorso anno, ma adesso pensiamo al campionato”.

IL LECCE NEL GIRONE B – Alla espressa richiesta se la società si sia mossa nelle opportune sedi per chiedere, eventualmente, di poter essere inserita nel girone Nord della Lega Pro, Tesoro ha risposto drastico: “Non ci ho neppure provato. Non sussisteva alcuna motivazione per farlo ed avrei solo perso tempo; ci ha provato Lotito, ma se non ce l’ha fatta lui… L’anno scorso ci trovammo nel girone A perché i calendari erano già fatti e il Lecce prese il posto del Vicenza ripescato. Meglio il girone B: in una sola gara ho incassato l’85% di quanto non abbiamo incassato in tutto il campionato scorso in trasferta. La quota spettante alla squadra ospite è stata infatti pari a 21.000 euro, mentre in tutta la stagione ci spettarono appena 30.000 euro in totale. Considerate che ho sborsato almeno 12.000 euro a trasferta e le multe pagate, ecco perché preferisco stare nel raggruppamento meridionale; economicamente parlando, mi aspetto di incassare 300.000 euro e spenderne appena 30.000, in un’inversione di trend radicale“.

CAMPAGNA ABBONAMENTI – La tifoseria salentina non sta rispondendo a “dovere” alla campagna abbonamenti, con al momento circa 1500 tessere vendute: “Gli abbonamenti? Se vinco il campionato sono felice anche se ho fatto solo 200 abbonati (sorride, ndr). Non mi chiedete se sono deluso, dico solo che a Salerno il pubblico non è stato il dodicesimo uomo, ma il diciottesimo. Lecce piazza da A con pochi tifosi? Al momento, la piazza è quella che vedete, non mi sembra da massima serie, poi i conti si faranno giorno per giorno. Pensiamo a vincere il campionato”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.