CONDIVIDI

LECCE – Si celebra oggi anche a Lecce la Giornata Mondiale del Rifugiato 2018. Per l’occasione l’Arci Lecce ha organizzato una serie di iniziative che culmineranno stasera nell’incontro gratuito e aperto a tutta la cittadinanza con padre Alex Zanotelli, alle 19:30 nel Parco Chiesetta Balsamo, nel Quartiere San Pio.

Questo il programma completo:

ore 19:30 Dibattito con Padre Alex Zanotelli, missionario combinano, promotore della Rete Lilliput, direttore rivista “Mosaico” fondata da don Tonino Bello, ispiratore e fondatore di diversi movimenti italiani sulla pace, giustizia sociale e non violenza. Dopo l’esperienza missionaria in Sudan, dal 1965 al 1973 a difesa delle fasce più povere della popolazione martoriate dalla guerra civile, e dal 1989 al 2001 in Kenya, nel cuore delle baraccopoli nella periferia Nairobi, oggi padre Alex Zanotelli vive nel Rione Sanità di Napoli, nel tentativo di ridare speranza ad un territorio segnato dalla violenza camorristica. Durante la serata ci sarà uno stand della Libreria “Palmieri” di Lecce dove poter acquistare suoi libri e pubblicazioni.

ore 20:30 Proiezione del film “Il quartiere” di Filippo Cariglia incentrato sulla zona San Pio a Lecce, un quartiere dove si mescolano studenti, anziani e migranti. Esposizione dell’omonima mostra fotografica: un racconto per immagini del rione San Pio.

ore 21:30 Esibizione del coro “Made in World”, composto da richiedenti asilo e rifugiati ospiti nei progetti di accoglienza integrata gestiti da Arci Lecce e diretti da maestro Ettore Romano.

ore 22:30 Concerto dei CRIFIU con il nuovo tour che mescola il rock, il pop e le melodie del Mediterraneo all’elettronica e alla world music internazionale. Dopo il successo di “Rock & Raï” e “Al di là delle nuvole” la band salentina è ritornata con il nuovo singolo “Il Clown di Aleppo“, dedicato ad Anas alBasha, il giovane volontario vestito da pagliaccio che, nonostante la guerra in Siria, aveva deciso di rimanere ad Aleppo per regalare un sorriso ai bambini, finendo egli stesso vittima dei bombardamenti.

Commenti