CONDIVIDI

NOVOLI – Proseguono a Novoli le iniziative e le celebrazioni in onore del Patrono, Sant’Antonio Abate. Stamattina, in Piazza Tito Schipa, il parroco della Chiesa di S. Antonio Abate, don Luigi Lezzi, ha benedetto la Fòcara. Successivamente, come da tradizione, in cima alla Fòcara, è stata issata un’immagine del Santo che verrà bruciata insieme al grande falò. Un tempo l’effige del Santo veniva confezionata con spighe di grano, paglia e rafia, al centro della bandiera italiana, finché nel 1985 gli amministratori novolesi accolsero le rimostranze di un cittadino, Luigi Belotti, che fece notare che bruciare la bandiera italiana, anche se in onore di un Santo Patrono, era un atto lesivo alla sacralità della Patria.

Nel pomeriggio, invece, alle ore 15:30, in piazza Sant’Antonio, è prevista la tradizionale benedizione degli animali che segna l’inizio della preparazione all’accoglienza dei fedeli. Subito dopo, invece, prenderà il via la processione del Simulacro del Santo, portato a spalla da un nutrito numero di devoti, tra la folla che si accalca lungo le strade e le piazze cittadine secondo il seguente itinerario: Piazza Sant’Antonio, via Parlangeli, via Brunetti, via Borgo, Piazza Tito Schipa, via Carducci, via Foscolo, via Leopardi, via Madonna del Pane, via Umbria, via Lucania, via Verga, piazza Matteotti, via Di Vittorio, via Luigi Madaro, via Lecce, via Santo Stefano, via San Francesco, via P. Longo, Piazza Regina Margherita, via San Giovanni, via XXV Luglio, via dei Caduti, via Arcuti, Piazza Sant’Antonio. All’arrivo del corteo, alle ore 18:30, la statua del Santo viene esposta sull’altare allestito sul piazzale del Santuario per la venerazione dei fedeli e viene celebrata la Santa Messa.