Tempo di lettura: 4 minuti

LECCE (di Pierpaolo Sergio) – Prima conferenza stampa per Assan Ceesay, il neo-attaccante giallorosso arrivato nel Salento a parametro zero dopo aver vinto lo scudetto in Svizzera tra le fila dello Zurigo. Il 28enne centravanti gambiano era accompagnato dal Direttore dell’Area Tecnica Pantaleo Corvino e dal diesse Stefano Trinchera, ma si è fatto capire molto bene parlando un italiano fluente.

A prendere per primo la parola è stato il Gg Corvino: “Siamo partiti per la nuova stagione e oggi presentiamo Ceesay nel nostro primo incontro da… Serie A. Arrivarci con la prima squadra e rimanerci con la Primavera è stato speciale, anche perché condiviso con tifosi e stampa locale. Quel che ci ha fatto piacere è l’aver seguito un percorso che h seguito quanto programmato come società. Esserci riusciti mantenendo la propria identità è ciò che ci inorgoglisce particolarmente. Ora siamo in piena nuova stagione e bisogna guardare avanti, rivolgendo le nostre energie al presente e al futuro. Il che significa mantenere quanto conquistato insieme a tutte le componenti e fare ogni sforzo possibile per centrare l’obiettivo”.

“Assan Ceesay stavolta non è un angale bianco (dichiara sorridendo ricordando la battuta fatta un anno fa al momento di presentare l’islandese Thorir Helgason, ndr). Si tratta di un attaccante scelto insieme a Trinchera sulla base delle caratteristiche fisiche e tecniche: è un longilineo, veloce, abile nelle ripartenze e sgusciante tra i difensori, oltre che discreto di testa, ma non posso dire che sia un campione, ma gli auguro che sia un attaccante da Lecce. Ha un’ottima media gol/gare giocate sia con il suo ex club, lo Zurigo, che con la Nazionale del Gambia. Quando dissi che l’attaccante che sarebbe arrivato a Lecce conosceva l’italiano non mentivo…”

Il Direttore Sportivo Stefano Trinchera ha poi aggiunto: “Ceesay è un giocatore abile, veloce, che può sfruttare varie tipologie di gioco. Rispetto all’anno scorso avremo meno occasioni di soverchiare l’avversario e lui ci potrà essere molto utile per il genere di gare che si potranno giocare”.

Queste invece le prime parole da attaccante del Lecce di Ceesay: “Ho scelto il Lecce perché sono felice di giocare in Italia in una squadra che lavora molto. Sono positivo per il prossimo campionato di Serie A e so che i tifosi ci saranno vicini. Le mie caratteristiche? Gioco in profondità, posso fare un blocco e poi ripartire per fare gol. So che bisogna dare sempre una mano alla squadra perché si gioca tutti insieme e insieme si raggiungono i risultati”.

“Con Gnonto (il 17enne che il CT Mancini ha fatto esordire con l’Italia, ndr) siamo come fratelli. Eravamo compagni di stanza in ritiro. Sono venuto qui dopo 7 anni di esperienza in Svizzera. In Italia sono arrivato per crescere ulteriormente in un campionato difficile come la Serie A dove posso imparare tanto. A chi mi ispiro del campionato italiano? Qui è molto diverso, molto tattico. Coly e Barrow mi hanno già detto tanto su questo torneo ed a loro avevo detto che avrei prima o poi voluto giocare in Italia ed ora ne ho la possibilità. In carriera ho giocato con tutti i moduli tattici. Sono un calciatore sempre pronto a giocare esterno nel 4-3-3, seconda punta o prima punta. L’importante è aiutare la squadra. Mi reputo un giocatore umile e la prima cosa a cui penso è la squadra. I gol li segno però da attaccante centrale. Un attaccante a cui mi ispiro? Ho sempre guardato fin da giovane a Fernando Torres“.

“Le differenze tra campionato italiano e quello svizzero sono enormi. Qui ci sono tanti grandi giocatori mentre lì non è particolarmente tattico. Si punta molto sulla corsa e poco sul pressing. In Italia bisogna essere pronti soprattutto fisicamente. La mia accoglienza nello spogliatoio è stata positiva, tutti mi hanno salutato e dato il benvenuto. Ho visto un gruppo unito e voglio dare il mio aiuto ai nuovi compagni. Allo Zurigo ho giocato anche con Dzemaili, una grande persona dentro e fuori il campo. Mi ha dato tanti consigli e gliene sono grato”.

“Il mio numero di maglia preferito? Ho visto che la 9 ce l’ha Coda, l’11 è libera, vedremo… Per convincermi a venire a Lecce il direttore Corvino mi ha parlato della bellezza dei posti, ma io avevo già cercato le immagini dello stadio e dei tifosi. Guardo però prima di tutto al campo e poi a tutto il resto. Il mio messaggio ai tifosi giallorossi? Quando ho accettato la proposta del Lecce sapevo che qui i tifosi ti aiutano. A loro dico che ci stiano sempre accanto, nel bene e nel male. Noi daremo tutto sul campo, è certo”.

“Se ha conosciuto Zeman? Sì, perché allenò lo Zurigo nei miei primi 6 mesi in quella società. Lui mi schierava sempre centrale, da prima punta”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.