LECCE – Prima giornata ufficiale in giallorosso per Antonio Barreca, 26enne terzino sinistro, unico arrivato in questa sessione di calciomercato con la formula del prestito secco dai francesi del Monaco. Il calciatore, di proprietà della Fiorentina, è stato presentato alla stampa dal Direttore Sportivo Stefano Trinchera in una conferenza che si è svolta eccezionalmente nella sede di Links, il main sponsor dell’U.S. Lecce.

A fare gli onori di casa è stato infatti Giancarlo Negro, Amministratore Delegato dell’azienda salentina: “Siamo felici di aver rinnovato il nostro impegno con l’U.S. Lecce che è poi un impegno verso tutto il territorio. Quest’anno abbiamo rafforzato questa partnership sponsorizzando anche la formazione Primavera, formata da giovani talenti su cui investire per raggiungere importanti risultati, il che è anche la nostra mission”. “Barreca – ha poi affermato da parte sua Trincheraaggiunge ulteriore qualità tecnica alla rosa del Lecce. Ci aspetta un’annata impegnativa, che spero sia anche ricca di soddisfazioni e che mi auguro ci veda protagonisti anche grazie al suo apporto”.

Ecco quindi le prime dichiarazioni da neo-leccese di Barreca: “Ringrazio la società che mi ha voluto. Sono felice di essere parte del progetto e sono reduce da una annata difficile. Perciò sono carico ed in cerca di riscatto. Nasco come terzino sinistro ma posso fare anche l’esterno alto a 5. Ho aggiunto esperienza fisica e mentale giocando all’estero il che mi ha fatto crescere. Mi aspetto un campionato tosto e difficile, noi puntiamo a vincere il torneo ma non sarà affatto semplice. Il numero 30 di maglia? L’ho scelto perché era libero, non perché abbia un particolare significato per me. Ho visto all’opera il Lecce. Qui c’è un gruppo nuovo con tanti giovani e non si può pretendere che giri subito a mille. Il mister ha molta esperienza e li guiderà nel loro percorso di crescita, così come io posso essere un punto di riferimento per i compagni che giocano nel mio stesso ruolo. Fisicamente sono un po’ indietro come preparazione. Ho svolto solo due settimane di allenamenti col Monaco, poi ho proseguito da solo perciò ho bisogno di un paio di settimane per essere al meglio. Ho parlato con Baroni e ho capito che è un allenatore capace di trasmettere serenità al gruppo e poi non vedo l’ora di giocare davanti ai miei nuovi tifosi”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.