Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – Gli occhi di Sky Sport sono stati puntati sul mondo giallorosso. A rispondere ad alcune domande della TV satellitare sono stati due dei top player del Lecce: il capocannoniere dello scorso torneo, Massimo Coda, e capitan Marco Mancosu. Con la compagine salentina che sta preparando la stagione 2021/’22 nel ritiro in Trentino, tra un allenamento e l’altro, si trova anche il tempo per rilasciare dichiarazioni alla stampa.

“A Lecce la pressione è davvero tanta – ha affermato Mancosu – perché c’è grande attaccamento alla maglia ed io ci tengo davvero moltissimo affinché la mia squadra faccia bene. Mister Baroni? È un allenatore che parla poco ed allena tanto, secondo me è un grande pregio. La Serie B è un campionato a dir poco imprevedibile e noi dobbiamo lavorare ogni giorno per tirare fuori il massimo. L’anno scorso è stato parecchio difficile, ma ci sono battaglie che vanno comunque affrontate. Riparto con nuovo entusiasmo: il passato è passato”.

Passino le voci di mercato, ma ad oggi conta solo il presente e bomber Coda non ha dubbi: “La Salernitana mi segue? È giusto che ci siano delle voci di calciomercato. Anzi, se non ce ne fossero, mi preoccuperei. Però il Lecce ad oggi è la mia priorità. Ci aspetta un campionato impegnativo e stiamo lavorando per prepararci al meglio. Personalmente è il terzo ritiro che faccio con mister Marco Baroni e non si è smentito nemmeno questa volta. Mi ha detto che i gol realizzati l’anno scorso ora non contano più nulla. Adesso c’è bisogno di voltare pagina. Il direttore Corvino sta portando in Salento molti giovani talentuosi, dobbiamo farli adattare alla nuova realtà. Appena arrivano qui cerchiamo subito di far capire loro che devono parlare italiano, ascoltando magari anche della musica napoletana. Le canzoni neomelodiche hanno portato bene alla Nazionale, facciamole andare…”

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.