Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE – C’è tempo fino alle ore 12:00 di lunedì 16 dicembre per iscriversi al bando promosso dall’ATS Libera-mente e partecipare così al progetto “Coltivatori di Legalità“, finanziato dalla Regione Puglia, nell’ambito dell’avviso 2/2017 POR Puglia 2014-2020, Asse IX, azione 9.6 “Cantieri dell’antimafia sociale”, per il rafforzamento dell’economia sociale e il supporto alla strategia per l’inclusione sociale attiva e il contrasto alle povertà.

Il finanziamento complessivo è pari a 450mila euro ed è finalizzato alla promozione della cultura imprenditoriale dei giovani disoccupati e alla prevenzione e al recupero di condizioni di disagio, attraverso la messa a valore dei terreni confiscati alle mafie in agro di Copertino, per la formazione di specifiche figure professionali innovative nel settore agroalimentare, attraverso una rete forte e articolata, realizzata dai partners che affiancano il Comune di Copertino, proponente e capofila del progetto. In Associazione Temporanea di Scopo, accanto al Comune di Copertino, ci sono, infatti, i Comuni di San Donaci e Cellino San Marco, Acli Puglia, la Fondazione Emmanuel, il Liceo “Don Tonino Bello” di Copertino, il Centro di Formazione Professionale Apulia, l’associazione copertinese Foreste Urbane e la cooperativa La Solidarietà.

Il progetto consisterà in azioni formative, seminari, workshop, anche aperti alla cittadinanza, per rafforzare il valore dell’antimafia sociale e promuovere l’inclusione sociale  e l’inserimento lavorativo. I beneficiari, residenti nei Comuni di Copertino, San Donaci e Cellino San Marco, potranno acquisire competenze utili a operare nei processi di produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agroalimentari, senza trascurare le opportunità rappresentate dall’innovazione digitale e nel rispetto dei principi di legalità e sostenibilità ambientale.

Sono previste attività teoriche per promuovere la partecipazione attiva, lo sviluppo dello spirito d’iniziativa e l’acquisizione delle competenze necessarie a operare nel settore e attività pratiche che si terranno sui terreni confiscati alle mafie messi a disposizione dal Comune di Copertino. L’iniziativa intende accompagnare 25 persone disoccupate verso l’inserimento nel mercato del lavoro, aiutandole a rimettersi in gioco guidate da esperti e tecnici, affinché alla fine del percorso formativo possano attivarsi nel settore, anche in forma autonoma o cooperativistica.

La domanda di partecipazione alle selezione dovrà essere presentata utilizzando i moduli disponibili sui siti istituzionali dei Comuni di Copertino, San Donaci e Cellino San Marco, allegando la fotocopia del documento d’identità. Le domande possono essere consegnate a mano, presso gli Uffici Protocollo dei tre Comuni, oppure essere recapitate tramite raccomandata o pec agli indirizzi comunecopertino@pec.rupar.puglia.it, info.comune.cellinosanmarco@pec.rupar.puglia.it, info@pec.sandonaci.net.
Commenti