Tempo di lettura: 2 minuti
Gaetano Miccichè

LECCE – Per presunte irregolarità nella sua elezione, Gaetano Miccichè di dimette dalla presidenza della Lega Calcio di Serie A. Nell’ottobre scorso la Procura della Federcalcio aveva aperto un’indagine sulla regolarità del voto dell’assemblea di Lega del marzo 2018, guidata dall’allora commissario Malagò, nella quale fu eletto Miccichè. Ora l’inatteso colpo di scena che getta nel caos il massimo campionato italiano.

Desidero annunciare le mie immediate dimissioni dalla carica”, ha tuonato lo stesso Miccichè, che ha poi aggiunto: “Le indiscrezioni apparse sui giornali relative alla chiusura dell’istruttoria sulla mia nomina avvenuta venti mesi fa e al suo possibile esito sono inaccettabili e mi impongono questa decisione“.

L’ormai ex presidente della Lega A difende comunque il proprio operato: “Sono stato chiamato in Lega con dichiarazioni unanimi di voto e ho dedicato molto tempo ed energie. Al mio arrivo ho trovato una Lega commissariata, del tutto disorganizzata, che non aveva nemmeno la parvenza di una realtà efficiente. Tutti insieme, perché nessuno ha sollevato la ben che minima obiezione in 20 mesi e le delibere assunte sono state tutte all’unanimità, abbiamo preso una serie di iniziative che andavano nella giusta direzione. Ho lavorato alla trasformazione del calcio e ad avvicinare le famiglie

VibonesePer la Procura federale, però,  gli atti invalidanti dell’assemblea dello scorso anno sono quelli relativi al cambio in corsa dello Statuto, senza la cui modifica il numero uno di Banca Imi non sarebbe stato in alcun modo candidabile, e al mancato scrutinio segreto: Miccichè, fortemente voluto dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, fu eletto per acclamazione senza che fosse aperta l’urna elettorale.

Intanto, per lunedì 25 aprile è convocata l’assemblea della Lega di Serie A. Tra i punti all’ordine del giorno figurano comunicazioni del presidente dimissionario Micciché e dell’Amministratore Delegato Lega A, Luigi De Siervo, ma anche era stata preannunciata anche la discussione delle linee guida per la vendita centralizzata dei diritti audiovisivi della Serie A per il periodo 2021-2024 e la proposta avanzata da MediaPro (LEGGI QUI).

Commenti