Tempo di lettura: 1 minuto

CosenzaLECCE – Un altro pezzo della storia recente del Lecce sveste la maglia giallorossa per cercare nuova fortuna in un altro club. Dopo le cessioni illustri di Checco Lepore, Andrea Arrigoni, Giuseppe Torromino, Sasà Caturano o Andrea Saraniti, ora è la volta di Ciccio Cosenza di dire ufficialmente addio alla società ed alla città con cui ha stretto un legame viscerale che va oltre la semplice militanza calcistica.

Dopo l’anteprima della fine del rapporto col Lecce data dallo stesso giocatore a maggio e l’annuncio della sua partenza anticipato dal Ds Meluso che ieri dava pressoché per concluso il suo passaggio all’Alessandria e la certezza è poi arrivata ieri sera attraverso un laconico comunicato stampa della società in cui si annunciava: “L’U.S. Lecce comunica di aver ceduto a titolo definitivo il diritto alle presentazione sportive del calciatore Francesco Cosenza all’U.S. Alessandria Calcio“.

L’amatissimo Ciccio torna dunque in Piemonte a indossare la casacca grigia già vestita prima del suo arrivo a Lecce. Riaparte a 33 anni dalla Serie C dopo aver conquistato sul campo e da leader le due promozioni che hanno riportato il sodalizio giallorosso in Serie A. Ma non sarà comunque un addio definitivo come la sua cessione. A Lecce il difensore calabrese tornerà presto.

Oggi, con lo sguardo da tigre negli occhi e il cuore ferito, ma non spezzato, gli si possono leggere la voglia matta di spaccare il mondo e dimostrare di poter dare ancora una mano e dire la sua. Di certo, Cosenza saprà confermarsi anche ad Alessandria uomo-spogliatoio che non crea polemiche ma s’imnpegna per dimostrare come il lavoro quotidiano ripaghi ogni sforzo ed ogni amarezza affrontata.

Commenti