Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE – C’era anche Mauro Meluso ieri a Milano per la compilazione dei calendari della Serie A 2019/2020 che vedrà ai nastri di partenza, di nuovo dopo 7 anni, il Lecce di Fabio Liverani.

Il Direttore Sportivo è stato intevistato ai microfoni di Sportitalia per rispondere non solo a domande sull’esito delle 38 giornate di campionato che attendono la formazione giallorossa, ma anche sulle operazioni di calciomercato che interessano il club salentino.

L’INTER ALLA PRIMA-Essere seduto quando il presidente di Lega preme il pulsante per stilare la prima giornata del calendario è stato molto emozionante. Non ci aspettavamo di incontrare subito l’Inter… È stato un cazzotto che ci ha riportato alla realtà. Personalmente, sono contento perché questa società mi ha dato la possibilità di vivere tre stagioni ad altissimo livello, con due vittorie del campionato che sono frutto di lavoro e sacrifici. Anche la nostra gente è entusiasta: siamo già a 15.500 abbonati. Stiamo vivendo una bella favola e per la prima volta oggi la realtà ci è stata sbattuta in faccia visto che ora incontreremo squadre stellari“. 

LOTTA SALVEZZA-  “Sarà impegnativa perché le società neopromosse partono con un handicap sia tecnico, che economico. Noi confidiamo molto in Liverani e nei nostri vecchi e nuovi calciatori. Confidiamo nelle motivazioni che sono fondamentali. Speriamo poi di esser bravi a dare al mister una squadra capace di salvarsi. Statisticamente, negli ultimi dieci anni, due delle tre neopromosse dalla B retrocedono subito e ci auguriamo di essere noi la terza, questa salvezza sarebbe troppo importante”.

BURAK YILMAZ E BABACAR E GLI ALTRI-Non è facile parlare di giocatori di altre squadre. Stiamo cercando un attaccante e stiamo seguendo più piste: alcune sono venute alla luce, altre no. faremo qualcosa in avanti come pure nel reparto difensivo. Poi prima della chiusura del mercato faremo una riunione tecnica e decideremo se operare ancora. Venuti e Saponara? Stiamo parlando, ma preferisco mantenere la riservatezza. Lorenzo Venuti è molto legato a Lecce, un ragazzo straordinario, con un grande senso di appartenenza, e ha espresso il desiderio di ritornare in questa piazza. Con Riccardo Saponara rappresentano due situazioni che vedremo se si potranno concretizzare”.

Commenti