Tempo di lettura: 1 minuto

MILANO – È in corso dalle 14:00 nella sede di via Rossellini, a a Milano, la riunione dell’assemblea di Lega A chiamata a discutere, tra i vari argomenti all’ordine del giorno, di diritti tv e nuovo sorteggio per il girone di ritorno del campionato 2019/2020.

 

La novità importante per il calendario 2019/’20 che sarà stilato il 29 o 30 luglio prossimi a Rogoredo, riguarda un nuovo sorteggio, col girone di ritorno diverso rispetto all’andata, per rendere più imprevedibili gli esiti della stagione. Si punta a dar vita ad un calendario improntato alla flessibilità, come per altro già avviene in Spagna, Francia e, parzialmente, anche in Inghilterra. L’idea permetterebbe di non bloccare ad una data i big-match, garantendo ai top club impegnati nelle Coppe di essere maggiormente tutelati.

Diritti t, leccezionale,itPer quanto riguarda i diritti tv, si deve affrontare il già illustrato progetto di collaborazione con MediaPro, gruppo cino-spagnolo che vorrebbe acquisire i diritti della Serie A per il triennio 2021-2024. Non è un segreto che la Lega A miri ad aprire un proprio canale televisivo e MediaPro rappresenterebbe il partner della Serie A. L’offerta ammonta ad 1,283 miliardi di euro a stagione. Una cifra che supera di gran lunga quella assicurata da Sky e Dazn nel triennio 2018/2021 e che è pari a 973 milioni a stagione, più bonus.

Commenti