Tempo di lettura: 1 minuto

ROMA (di Italo Aromolo) – Serata di emozioni speciali per mister Fabio Liverani, che nella “sua” Roma ha preso parte alla cerimonia inaugurale del primo club di tifosi del Lecce nella Capitale. I due mondi dell’allenatore del Lecce, nativo di Roma, si sono fusi in un autentico bagno di folla con i circa 200 tifosi accorsi, a cui ha concesso selfie e autografi. Il tecnico ha commentato il momento della squadra dopo la sconfitta di Padova: “I match ball per perderli vanno comunque conquistati. A prescinderne da averne sbagliato uno, la forza della squadra é ed è stata quella di avere il destino nelle proprie mani. Con lo Spezia è la cosiddetta “finale”, perchè non dobbiamo guardare agli altri; questa squadra, quando è caduta, é ripartita sempre con grande entusiasmo ed altrettanta fame. Sono fiducioso che il gruppo regalerà ciò che fino a ieri era impensabile. Garantisco che faremo 100 minuti al massimo“.

Liverani ha poi ripercorso le sue tappe in giallorosso dal momento dell’arrivo: “Questa avventura è nata dopo un colloquio con il presidente proprio qui, a pochi metri. Non avevo mai conosciuto la Serie C ma non è mai stato un problema di categoria. Ho bisogno di sensazioni positive, di gente vera, qualcosa che è difficile trovare nel nostro mondo ma che qui ho percepito. Poter vincere e arrivare primo non è mai facile, perchè ce la fa solo una. Sappiamo come va il calcio, in cui i risultati sono determinanti, ma la forza di questa società è stata sempre quella che, a prescindere dai piccoli momenti negativi nel nostro percorso, si è sempre comportata nel migliore nei modi, facendo si che il risultato non sia equivalso alla stima“.

Commenti