Tempo di lettura: 3 minuti

LECCE – Il direttore sportivo dell’U.S. Lecce Mauro Meluso, presente alla conferenza stampa di presentazione di Cosimo Chiricò e Thom Haye, ha fatto il punto a tutto tondo sulle operazioni di calciomercato.

Il d.s. descrive l’idea e l’operazione, la prima in entrata dopo la promozione in Serie B, che ha riportato a Lecce Cosimo Chiricò: “Quando fai una operazione di mercato in cosi largo anticipo lo fai per valorizzare la società dal punto di vista tecnico o economico. Abbiamo preso Chiricò dal punto di vista tecnico, abbiamo fatto un investimento corposo e solo dopo mi sono reso conto che c’era qualche altro problema. Ho agito in maniera professionale”.

Thom Haye

E sull’arrivo di Haye, una scommessa da vincere: “Thom Haye è stato una segnalazione di Jame Mousar, agente FIFA che lavora molto con l’estero. È stata un’acquisizione laboriosa,  veniva dall’Olanda, paese con schemi contrattuali complicati. Ho seguito le gare, mi fa piacere come si è inserito dal punto di vista umano e tecnico tattico”.

“È stato acquisito a parametro zero, ha fatto 33 partite in serie A olandese nello scorso campionato. Si tratta di un giocatore di indiscusse qualità tecniche, che avrà bisogno di adattamento, ma sembra già integrato come schemi tecnici e tattici. Pellè? I due si sono conosciuti marginalmente l’ultimo anno in cui l’attaccante salentino giocò nell’AZ Alkmaar e Thom venne aggregato alla prima squadra dalle giovanili”.

Mauro Vigorito

Il dirigente giallorosso cerca di diradare definitivamente le nubi sulla questione portiere: Vigorito a mezzogiorno dovrebbe atterrare a Roma di ritorno dalla tournée in Canada. Deve solo firmare il contratto. Abbiamo una rosa ampia e dobbiamo pensare anche a cedere, qualcosina ancora faremo. Non voglio dire cose che non posso mantenere. Dietro abbiamo Riccardi e Lucioni. Forse stiamo pensando all’acquisto di un altro difensore”.

Salvatore Caturano

Meluso scende poi nello specifico, tra tasselli da trovare e cessioni da perfezionare: “Manca un portiere, poi a centrocampo Petriccione, elemento che va bene sia come play che come mezzala. Stiamo pensando anche a una punta. La Mantia? Non solo. Abbiamo oggi un parco attaccanti vastissimo, si lavora di concerto con gli agenti per trovare una soluzione. Partecipare al l’ingaggio di qualche cessione come Caturano. Lui è un attaccante da B, oggi probabilmente si faranno scelte differenti, la cessione in prestito può essere una opzione, ma senza partecipare all’ingaggio. Le cessioni sono complicate da tribunali vari, basta il blocco di una squadra per fermare a cascata tante operazioni. Abbiamo da fare cinque o sei cessioni. Credo che comunque il Lecce abbia un grande appeal anche in B“.

Marco Armellino

Un altro dei nomi in uscita è quello di Marco Armellino. Il d.s. risponde  spostando il focus: “Il mercato è sempre in evoluzione, nessuno è incedibile, dipende dalle opportunità. Non è il caso di Armellino, sto parlando in generale. È chiaro che è un giocatore importante,  ma se una squadra viene parla con lui e è lui vuole andare se ne parla, come per tutti i giocatori é una regola generale del calcio”.

Commenti