Tempo di lettura: 2 minuti

Meluso e LiguoriLECCE – Che il momento che si vive in casa-Lecce sia particolarmente delicato e, per certi versi, surreale lo conferma la presenza del vicepresidente Corrado Liguori che si presenta col Ds Mauro Meluso in sala stampa per parlare non solo della vittoria dei salentini sulla Juve Stabia, ma anche e soprattutto del delicato equilibruios che si è perso tra tifosi ed allenatore: “Dopo il Foggia ci aspettavamo una reazione che, punti alla mano, c’è effettivamente stata. Un pareggio a Cosenza è un risultato che ci può stare, soprattutto se fosse giunto in un’altro momento della stagione. Non entro nel merito della contestazione ed è giusto che i tifosi esprimano le opinioni, ma con i giusti toni. Fermo restando che si può fare sempre di più, abbiamo conquistato la bellezza di 68 punti e ci stiamo confrontando con una squadra che, ad oggi, ha fatto 8 vittorie consecutive e la linea tra demeriti nostri e meriti degli altri è quindi assai sottile. La società è un gruppo con la ‘g’ maiuscola e, se ci fossero delle colpe, sarebbero state commesse da parte di tutti. Se abbiamo deciso di non parlare con la stampa non lo si deve considerare come un distacco dall’ambiente. È una scelta che ci siamo sentiti di fare perché crediamo che in silenzio si possa lavorare meglio e che sia preferibile che la squadra si concentri sulle sfide che mancano alla fine della regular season. Io rispetto la contestazione ma è evidente che dobbiamo andare avanti per la nostra strada e tenere conto che questa squadra ha fatto 68 punti, un bottino che in altri gironi ci garantirebbe la vetta. Alcune partite sono state affrontate non nella giusta maniera magari, ma questa squadra è sempre riuscita a reagire subito dopo ogni sconfitta, tanto da non averne mai subite due di fila. Si tratta di ragazzi che danno l’anima e che dopo una caduta si sono sempre rialzati immediatamente. Non sio come andrà a finire il campionato, ma so che noi dobbiamo insistere finché cui saranno speranze. Se il Foggia (che non credo possa addirittura vincere altre 5 gare da qui alla fine) dovesse inciampare, noi ci dovremo essere e sfruttare ogni loro più piccolo errore. Se poi non succedesse, bravi a loro e penseremo ai play-off“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.