Tempo di lettura: 2 minuti

akragas-lecce-0-2LECCE (di Gavino Coradduzza) – L’equilibrio in campo tra Akragas e Lecce era durato un’ora percorsa prima a passo quasi cadenzato, poi al piccolo trotto. Un’ora di ampio predominio sotto il profilo del palleggio in senso stretto, dei tocchi anche eccellenti da parte giallorossa; un’ora che non aveva, tuttavia, consentito ai ragazzi di Padalino di trasformare in entità numerica il traboccante possesso palla. “Servono i gol…” direbbe all’uopo il maresciallo De La Palice! C’era stato, invece, qualche permaloso guizzo degli isolani su cui Gomis (39°) aveva strepitosamente rimediato in uscita sui piedi dell’avversario solitario; ma questo benedetto gol doveva pur arrivare; sembrava scritto nel destino di questa partita, ma tardava; si faceva attendere…

(foto Kalos Longo)
(foto Kalos Longo)

Ad inizio di ripresa se ne intuiva l’approssimarsi, se ne sentiva il profumo… Il Lecce macinava gioco, mostrava i muscoli e le meningi, Caturano, piantato al centro dell’area di porta avversaria risolveva (14°) una furibonda bagarre saettando in porta da pochi metri. “È fatta” avranno pensato i più ottimisti, ed invece ancora no; non c’era niente di definitivo per quanto i segnali della dea del pallone indicassero che il successo era ormai lì, a portata di mano… Un minuto dopo il gol di Caturano, il patatrac era infatti in agguato: Cosenza commetteva fallo  in area; era già ammonito e dunque scattava il cartellino rosso ed il conseguente calcio dagli undici metri. Ora che si fa? La situazione non pareva più tanto rosea; calcio di rigore ed inferiorità numerica potevano generare uno sconquasso in una formazione con qualche crepa caratteriale o con i nervi a fior di pelle; ma a spianare la strada ai giallorossi provvedeva Palmiero spedendo la palla del calcio di rigore abbondantemente in curva. Intanto, l’inferiorità numerica corroborava Mancosu e compagni; l’Akragas si arrotolava su sé stesso e Pacilli assestava il colpo del KO.

Il Lecce ormai andava al galoppo non solo per velocità in senso stretto, ma per la sicurezza che mostra in campo; potrebbe anche dilagare, visto che l’avversario era ormai ridotto alla stregua di un mazzo di fiori cui non è stata assicurata l’acqua; l’Akragas si muoveva girovagando per il campo in totale balìa di un avversario che pure doveva giocare con un uomo in meno… Il due a zero premiava senza ombra di dubbio la squadra più meritevole e matura; il punteggio parla da sé. Una volta si sarebbe detto: “vittoria classica“; “due a zero all’inglese“; stavolta suona meglio: “Anche questa é fatta…
Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.