Tempo di lettura: 5 minuti

andria-lecce-i-due-capitani-aya-e-leoporeANDRIA – Pareggio a reti bianche per il Lecce al “Degli Ulivi” di Andria. Come nello scorso gennaio, l’incrocio tra giallorossi e biancazzurri è stato una gara equilibrata, con un leggero predominio sul piano delle occasioni per la Fidelis Andria, vicina al gol in almeno tre episodi con Cruz in avvio (fuori di poco) ed a metà ripresa (colpo di testa spinto sul palo da Gomis), quindi con Volpicelli (tiro di poco a lato). Il Lecce, ben assortito in difesa e attento a centrocampo, ha meritato il punto seppur non creando molte palle-gol, ma andando vicino al vantaggio soltanto con un tiro rimpallato di Lepore prima di un misfatto nel finale, quando Aya ha trattenuto in area Mancosu su una punizione velenosa di Vitofrancesco. Per l’arbitro non ci sono stati gli estremi del penalty. Finisce 0-0 ed è un piccolo passo in avanti per i salentini.

1’ Conferme e cambi per mister Pasquale Padalino. Contessa ritorna ad agire sulla fascia sinistra e a centrocampo si ripropone il trio Tsonev-Fiordilino-Mancosu. Lepore, dopo la doppietta di sabato scorso, occupa ancora una volta il posto di esterno destro del tridente, completato da Caturano e Pacilli, rilanciato dal 1’ dopo due panchine consecutive. L’Andria, orfana di Matera, Annoni, Colella e Ovaye, non rischia l’impiego dell’ex Nardò JimmiAllegrini, relegato in panchina e sostituito dal terzo centrale Curcio.

6’ Palla gol per la Fidelis Andria. Volpicelli mette in movimento Cruz con un passaggio per vie centrali, dribbling secco su Cosenza e sinistro in scivolata che termina di poco al lato del palo.

11’ Il Lecce tenta di alzare il proprio baricentro e mette in difficoltà la Fidelis Andria, incappata in due occasioni in degli errori in fase di disimpegno che hanno regalato calci d’angolo ai giallorossi.

13’ Cross morbido di Contessa al centro dell’area, Poluzzi di pugno anticipa Caturano.

14’ Conclusione di Caturano dai venti metri, centrale e debole.

18’ Break centrale di Tsonev che taglia il campo palla al piede per trenta metri prima di allargare per Caturano, cross dal vertice alto dell’area all’indirizzo di Pacilli, anticipo di Tartaglia che appoggia di testa a Poluzzi.

25’ Lecce leggermente in difficoltà. Sul disimpegno difensivo di Giosa, che appoggia di testa a Gomis, il portiere giallorosso, probabilmente tradito dal terreno di gioco, fallisce lo stop e regala un calcio d’angolo alla formazione andriese.

27’ Angolo per l’Andria battuto bene nell’area piccola, Gomis risolve la mischia.

29’ Lepore interrompe un dialogo della Fidelis Andria recuperando un pallone di testa, tiro potente di Contessa che termina fuori.

35’ Azione prolungata della Fidelis Andria avviata da una punizione di Piccinni, rimpallo raccolto da Felipe Curcio sul lato corto dell’area di rigore, tiro al volo che termina sull’esterno della rete.

37’ Cross di Volpicelli che imbecca Aya nel cuore dell’area, colpo di testa impattato male, traiettoria arcuata abbrancata da Gomis.

39’ Caturano prova prima una penetrazione centrale tra le maglie della difesa dell’Andria e poi opta per lo scarico arretrato su Pacilli, tiro di collo che non sorprende Poluzzi.

41’ Azione rocambolesca del Lecce, per la prima volta vicino al gol. Lepore, da posizione ravvicinata, scarica un sinistro rabbioso. Tartaglia devia alla disperata e fa impennare la sfera che, indirizzata all’incrocio del palo opposto, è raccolta in qualche modo dal veloce recupero di Poluzzi che compie una gran parata.

Secondo tempo

46’ Respinta corta di Cosenza su passaggio alto di Volpicelli, raccoglie Cruz che, con un tiro al volo da fuori area, sfiora l’incrocio.

51’ Ripartenza del Lecce avviata da Ciancio, condotta dalla sgroppata centrale di Mancosu e conclusa dal cross di Contessa, indirizzato alla coppia Caturano-Pacilli, che attraversa tutta l’area senza creare pericoli al portiere.

53’ Mancosu tenta la sorte da lontano, fuori misura.

57’ Punizione di Berardino neutralizzata dalla difesa del Lecce, il pallone è controllato da Rada, che si sgancia sul centrosinistra dell’area e tenta un tiro velleitario di sinistro che attraversa tutto lo specchio della porta.

60’ Tsonev sradica un pallone all’altezza della trequarti della Fidelis Andria e innesca Lepore, tiro alto.

60’ Volpicelli s’invola bene al centro del campo e con uno scatto fulmineo sorprende la difesa del Lecce, Giosa aggancia in scivolata le gambe dell’attaccante campano. L’arbitro decreta il cartellino giallo al difensore ex Como tra le proteste dell’Andria, che chiedeva l’espulsione.

61’ Lo stesso Volpicelli s’incarica della battuta del calcio piazzato, bolide sotto la traversa respinto dal colpo di reni di Gomis, che alza la sfera sopra la traversa.

70’ Minicucci apre il compasso dalla fascia sinistra, sponda volante di testa di Volpicelli per Onescu, tiro a giro che s’impenna.

72’ Andria a pochi metri dal vantaggio. Punizione tagliata di Curcio, Cruz svetta su Cosenza e colpisce di testa, Gomis si salva in tuffo deviando sul palo prima dell’intervento a pulire l’area di Giosa.

86’ Ottima giocata di Cruz al limite dell’area che addomestica un pallone e apre la via al tiro di Volpicelli, pallone che fa la barba al palo.

90’ Pericolosa mischia nell’area dell’Andria su una punizione di Vitofrancesco, battuta dalla fascia destra poco distante dalla bandierina, sulla quale Poluzzi si trova il pallone tra le mani. Vibranti le proteste dei calciatori del Lecce per una presunta trattenuta su Mancosu, ma l’arbitro non si schioda dalla decisione iniziale.

Il tabellino

Fidelis Andria-Lecce 0-0

Andria (3-5-2): Poluzzi, Aya, Rada, Curcio, Onescu, Tito, Piccinno, Tartaglia, Berardino (dal 63′ Minicucci), Volpicelli, Cruz. All. Favarin A disposizione: 12 Pop, 22 Cilli, 3 Valotti, 5 Allegrini, 9 Fall, 14 Masiero, 17 Starita, 25 Imbriola, 30 Klaric.

Lecce (4-3-3): Gomis, Ciancio, Cosenza, Giosa, Contessa (86′ Vitofrancesco), Mancosu, Fiordilino, Tsonev (81′ Vutov), Lepore, Caturano, Pacilli (81′ Persano). All. Padalino A disposizione: Bleve, Chironi, Drudi, Freddi, Vinetot, Maimone, Arrigoni, Doumbia, Torromino.

Arbitro: Pirantonio Perotti (Legnano) – Assistenti: Giuseppe Macaddino (Pesaro) e Lorenzo Biasini (Cesena)

  • Note: Giornata di sole, terreno in buone condizioni, temperatura 9°C, tifosi del Lecce non presenti nel Settore Ospiti per il divieto del Prefetto della BAT
  • Ammoniti: 43′ Tsonev (L), 60′ Giosa (L), 60′ Aya (A), 65′ Onescu (A), 73′ Tito (A)
  • Angoli: 6 – 3
  • Recuperi: primo tempo: 1′ – secondo tempo: 3′
  • Statistiche: tiri in porta 3-3; tiri fuori e/o respinti 5-5; palle in area 21-20; cross 15-7; falli subiti 12-16; off-side 2-3.
Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.