Tempo di lettura: 2 minuti

pasquale-padalino-a-castellammare-di-stabiaTARANTO (di Italo Aromolo) – L’allenatore del Lecce Pasquale Padalino è contento della vittoria raccolta sul rettangolo verde dello “Iacovone” di Taranto, risultato che serviva a rendere ancor più importante la rimonta di sette giorni fa in casa della Juve Stabia: “Era una partita dove bisognava dare un segnale forte – chiosa il trainer foggiano – a noi stessi innanzitutto, dopo l’exploit di Castellamare. Oggi però è stato il contrario: un ottimo primo tempo e nel secondo siamo stati più accorti; nel complesso abbiamo fatto una buona partita soprattutto sotto il profilo della personalità. Era importare dare questo segnale e prendere consapevolezza. Taranto la peggiore avversaria incontrata? Non lo stabilisco io, oggi forse ha la fiducia sotto i tacchi, ma hanno i mezzi per potercela fare, ad ogni modo è vero che è difficile uscire da questi periodi”.

Padalino ha poi analizzato l’episodio relativo al tiro di Potenza forse parato da Gomis al di là della linea di porta secondo i calciatori del Taranto: “Pareggio più giusto? Ognuno la interpreta come vuole, secondo me no. Loro dicono che la palla è entrata di un metro? Il calcio va avanti, di certo non si ferma all’episodio di Taranto, è stato un episodio come è successo a noi ed altre volte ancora succederà. Nel primo tempo c’è stato un dominio assoluto da parte nostra, potevamo andare più volte al gol. Nel secondo tempo il Taranto è giustamente venuto fuori andando al tiro soprattutto da lontano. I tifosi del Lecce? Non li scopro io oggi, è stata una gran bella cornice di pubblico che ha reso onore a una partita che mancava da un po’ di tempo”.

Il focus si è quindi spostato sulla prestazione dei singoli: “Quella di Lepore sta diventando la telenovela dell’anno… È risaputo che lungo il binario ha qualche cosa in più; le scelte sono più facili sulla fascia, mentre al centro il discorso è un po’ più ampio: devi dettare i tempi, le scelte sono più difficili. Ma raramente Checco sbaglia dal punto di vista dell’abnegazione. Drudi ha fatto la sua partita, molto abile insieme a Giosa sulle palle alte, che forse sono stato l’unico vero pericolo che loro hanno creato. Ci concentriamo da domani già alla prossima che sarà contro il Matera. Questa è la nostra mentalità, fino a ieri la più difficile era la gara contro il Taranto, da domani si pensa al Matera“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.