Tempo di lettura: 1 minuto

Sasà CaturanoLECCE – Salvatore Caturano è il bomber principe del Lecce targato Pasquale Padalino. Con le sue sette reti in sei gare ha trascinato i giallorossi ai vertici della classifica del Girone C di Lega PRO, dando seguito con i fatti alle dichiarazioni d’amore per la squadra salentina ed i suoi tifosi fatte in estate alla notizia del suo ritorno nel club di Via Costadura. Domenica scorsa a Siracusa ha iniziato dalla panchina pèer scelta del suo allenatore; una mossa che ha sorpreso avversari ed addetti ai lavori ma che alla fine si è rivelata vincente. Stamane, l’attaccante napoletano ha incontrato i giornalisti nella sala stampa “Sergio Vantaggiato” dello stadio “Via del Mare” per fare il punto della situazione in campionato e parlare di sè e del futuro che attende il Lecce: “La classifica a questo punto della stagione non è per nulla definita. Certamente squadre come la nostra, il Foggia, il Matera e la Juve Stabia sono state costruite per vincere, poi in un campionato c’è sempre una sorpresa. In questo momento dobbiamo solo pensare a noi stessi ed a fare più punti possibile. Se mi manca il gol? La cosa importante è che domenica scorsa a Siracusa la squadra abbia portato a casa i tre punti, poi come ho sempre detto un attaccante vive per il gol e sinceramente mi manca, spero di rifarlo il prima possibile. Quando un calciatore non gioca è normale che non possa essere soddisfatto perché preferisce essere sempre in campo. Comunque, la scelta di mister Padalino a Siracusa l’ho condivisa appieno. Le esultanze dopo i gol sono una cosa simpatica che studiamo in ritiro, è un modo comunque per fare gruppo. Qual è il mio sogno? Giocare in Serie A e spero di coronarlo indossando questi colori”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.