Tempo di lettura: 2 minuti

Padalino a CotroneiROCCAPORENA – Alla vigilia del secondo turno eliminatorio di Tim Cup con l’Ascoli e dopo la seconda parte del ritiro pre-campionato svolta nella frescura e nella serenità di Roccaporena, a parlare in casa-Lecce è mister Pasquale Padalino che fa il punto della situzione in seno al gruppo di cui è a capo: “Siamo già a buon punto, ma non al top, ovviamente; abbiamo fatto un lavoro importante che va ultimato. La prima uscita ufficiale di Tim Cup? È stato un test significativo sotto alcuni punti di vista meno da altri. Il calcio d’agosto può ingannare. La squadra credo abbia in qualche maniera anticipato i tempi, nel senso che la predisposizione a giocare la palla c’è, bisogna lavorare con insistenza su tanti meccanismi e lo stiamo facendo. Ci auguriamo che tutti quanti i giocatori possano avere un’unica idea di gioco, un’identità precisa di squadra”.

Il tecnico giallorsoso poi si sofferma del futuro e difficile Girone C, nonché dell’impegno in Coppa Italia allo stadio «Del Duca»: “Il nostro raggruppamento è rimasto invariato, ci sono più o meno le stesse squadre, è tosto come negli scorsi campionati. La gara di domani? L’Ascoli è una squadra di categoria superiore con giocatori importanti, sarà un test probante per dare qualche segnale di miglioramento rispetto alla gara con l’Altovicentino”.

torrominoQuindi, ecco un giudizio sull’ultimo arrivato in casa-giallorossa, l’attaccante ex Crotone Giuseppe Torromino: “È un giocatore di fisicità, molto potente, dotato di buona tecnica, ottimo tiro e che si integrerà facilmente nel nuovo gruppo, dove la richiesta principale è quella di chiedere a se stessi una grande disponibilità verso il resto della squadra“.

Pasquale Padalino okInfine, una battuta sul calciomercato: “Abbiamo fatto il grosso, poi nel dettaglio se dovesse servirci qualcos’altro lo valuteremo con calma. Vogliamo dimostrare giorno per giorno, come sta facendo questa società, che le cose si fanno con serietà. Dobbiamo fare vedere ai nostri tifosi di avere attaccamento alla maglia e che oltre quello che diamo non possiamo fare, il resto sono solo parole. Mi piacerebbe vedere un segnale tangibile da parte dei calciatori attraverso un impegno giornaliero che poi possa portare ad un comune obiettivo”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.