Tempo di lettura: 1 minuto
vucinic
Vucinic e Chevanton con Andrea Ferreri, autore di “A Sud di Maradona”

SQUINZANO- Parole emozionanti quelle di Mirko Vucinic, ora in forza all’Al-Jazira, scandite per descrivere ciò che Lecce ed il Lecce ha dato alla sua carriera sportiva e non solo. Il 32enne nato a Niksic, presente alla presentazione del libro “A Sud di Maradona”, ha sintetizzato così i suoi sentimenti forti: “Sono legato alla città di Lecce, alla famiglia Semeraro che ha portato avanti il Lecce. Questa squadra mi ha fatto scoprire il mondo, sono diventato famoso anche nella mia terra, il Montenegro, perché ero giovane e sono partito per Lecce e ho fatto bene. La gente parla di me per questo, se non fossi venuto a Lecce non sarei diventato quello che sono ora. Mi sono fatto valere piano piano partendo dall’inizio e grazie al Lecce sto vivendo la vita che vivo ora, piena di gioie anche economicamente. Tutto questo mi è stato dato dal Lecce Calcio, al di là del fatto che io sia stato bravo o meno. Il mio inizio è stato il Lecce e devo essere grato per quello. Ho giocato sia nella Roma sia nella Juventus. A Roma ho vinto poco, soltanto la Coppa Italia, invece in bianconero tre scudetti. Però mi ricordo, quando ero qui a Lecce e raggiungevamo la salvezza era come vincere un campionato”.

Il montenegrino parla poi di un suo eventuale ritorno a Lecce: “Pochi mesi fa ho dichiarato che vorrei finire qui la mia carriera. Quello è il mio sogno, spero di realizzarlo. Certo, ho un altro anno di contratto lì ad Abu Dhabi, ma poi si vedra dopo quest’anno”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.