Tempo di lettura: 2 minuti

“Il Mare che Unisce” locandinaLECCE – Vento in poppa sulla rotta dei Balcani in compagnia dei musicisti della “BandAdriatica”: tre giorni a vele spiegate tra sport e cultura. Per il terzo anno consecutivo la Puglia innalza il suo ponte di amicizia verso l’Albania grazie al progetto “Il mare che unisce”, manifestazione velica che si svolgerà da oggi, 19 maggio, sabato prossimo. L’obiettivo della regata amatoriale – promossa da Uisp Lecce (Unione italiana sport per tutti) con la collaborazione tecnica di AssoNoProfit ed il patrocinio della Vela Nazionale dell’Uisp – anche per questa edizione promuove la relazione tra l’Italia e il Paese delle Aquile. Lo fa attraverso la cultura, la pratica sportiva legata al mare e la rotta verso paesaggi naturali mozzafiato dall’altra parte dell’Adriatico.

L’iniziativa, nata nel maggio del 2014 sull’asse di navigazione delle 85 miglia (circa 160 km) Gallipoli-Valona, è difatti oggi uno tra gli  appuntamenti più attesi dai velisti italiani e dalla comunità di Valona. Una crescita che ha portato Vincenzo Liaci, ideatore del progetto, a ridisegnare la manifestazione con un ampliamento dei porti in cui issare la propria vela per unirsi ad uno dei seguenti campi di gara: “Vele per la cultura” (Gallipoli-Santa Maria di Leuca-Saseno), “Vele verso il Sole” (Otranto-Saseno) ed infine “1° trofeo isola di Saseno”. In particolar modo, sulla rotta di “Vele per la cultura”, il tempo e il ritmo saranno scanditi dai musicisti della “BandAdriatica” che accompagnerà con la sua musica tutto il viaggio e che terrà a Durazzo la sera del 20 Maggio il concerto di celebrazione del suo decennale in occasione dell’International Forum on the Creative Economy. L’evento è realizzato dal Teatro Pubblico Pugliese nell’ ambito del fondo di sviluppo e di coesione 2007-2013 affidato dalla Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale.

Tre giornate scandite da un insieme di eventi e iniziative, tra cui la più attesa: l’incontro con i bambini ospiti di un istituto per orfani di Valona. I velisti, infatti, anche nel 2016 porteranno un “mare” di doni (materiale didattico, magliette, giochi, ecc.) e al tempo stesso offriranno ai piccoli una indimenticabile veleggiata nello specchio antistante il porto di Vlora (in lingua albanese significa “nave”). Ma il sostegno agli amici dell’altra riva dell’Adriatico si tradurrà anche in un’altra iniziativa: gli studenti del Liceo artistico di Valona, infatti, realizzeranno la mostra dei propri lavori, che saranno esposti nel Palazzo della Cultura della città albanese. Le tre tele più belle saranno acquistate da Uisp Lecce a sostegno dei giovani artisti locali. Ulteriore collaborazione quella con la Scuola Alberghiera di Valona, che organizzerà la festa di premiazione. In quell’occasione sarà ufficializzato il gemellaggio con alcuni istituti alberghieri del Salento. Per gli oltre 200 protagonisti italiani deIl mare che unisce 2016 è tempo di ultime verifiche tecniche per poi mollare gli ormeggi e lasciarsi spingere dal buon vento sulle rotte dell’Albania.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.