Tempo di lettura: 1 minuto

curva nord lecce foggiaLECCE – La notizia ha del clamoroso. Il Casms, ossia l’Osservatorio per le manifestazioni sportive starebbe valutando l’ipotesi di chiudere la Curva Nord dello stadio “Via del Mare” nel match col Foggia dopo l’episodio dello scoppio accidentale di una bomba carta che ha ferito tre spettatori in occasione di Lecce-Bassano. Da qui il ritardo nella comunicazione dei prezzi dei biglietti per assistere alla semifinale d’andata contro i dauni di domenica prossima. Ma non solo. La società si sta attivando sia scongiurata tale ipotesi e permettere alla formazione di Piero Braglia di poter contare sull’apporto del settore più caldo del tifo leccese.

DERBY IN ORARIO DIIURNO?- In più, al vaglio degli organi competenti c’è pure la possibilità di spostare il derby che mette in palio mezzo accesso alla finale dei play off in orario diurno, evitando di giocare alla luce dei riflettori. Insomma, una situazione alquanto ingarbugliata che segue la multa comminata dal Giudice Sportivo al club di Piazza Mazzini che ha inflitto ben 15.000 euro di sanzione proprio per la recidività nel lancio di petardi in campo da parte degli Ultrà Lecce e la minaccia di adottare misure più drastiche in ulteriore caso di reiterazione dei fatti.

Se le cose dovessero sistemarsi così come logica e buon senso vuole, la prevendita dei tagliandi avverrebbe solo a partire dalla giornata di domani e, tra l’altro, indiscrezioni parlano di una maggiorazione del costo proprio per i biglietti dell’unica curva aperta dell’impianto sportivo leccese. Da qui l’insolita mancanza di notizie ufficiali sulle modalità di acquisto dei titoli di accesso allo stadio che, di norma, giungono al martedì mattino.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.