Tempo di lettura: 3 minuti

leporeLECCE (di Pierpaolo Sergio) – Le pagelle della sfida Lecce-Lupa Castelli che ha sancito la fine della regular season vedono brillare Davide Moscardelli e Matteo Liviero, autori di una buona prestazione personale. I giallorossi hanno disputato un primo tempo abulico, caratterizzato solo dal gol del vantaggio di Sasà Caturano, mentre nella ripresa i ritmi si sono alzati e lo spettacolo, non certo eccelso, almeno è risultato più godibile per i 9.457 spettatori presenti al “Via del Mare“.

  1. BLEVE: Incerto in occasione della rete della Lupa Castelli nella quale abbozza un’uscita, salvo poi restarsene impotente sul primo palo, mentre la palla calciata di Rossetti gonfiava la rete. VOTO: 5,5
  2. LIVIERO: Buona la partita dell’esterno piemontese che spinge in avanti con continuità ed offre un cross al bacio a Doumbia per il 3-1 finale. VOTO: 6,5
  3. LEGITTIMO: Si sacrifica a giocare da centrale per la squalifica di Alcibiade e ci mette una pezza in diverse situazioni. VOTO: 6
  4. PAPINI: Molto meglio in fase di interdizione che in quella di costruzione. Prova a dare geometria al gioco del Lecce in una fase in cui di energie fisiche e mentali non ce ne sono più a volontà. VOTO: 6 —> LO SICCO: Meno brillante delle altre apparizioni, soffre la velocità dei ragazzi terribili della Lupa Castelli. Si deve barcamenare alla meno peggio su alcune incursioni potenzialmente pericolose degli avversari in area leccese. VOTO: 5,5
  5. COSENZA: Inizia bene la gara, ma poi commette alcune leggerezze che potevano costare care visto che da uno come lui non te le aspetti. Finisce lamentando una botta alla spalla che fa scattare l’allarme in chiave play-off ricordando il lungo stop dopo la frattura patita in Coppa Italia col Cesena. VOTO: 5,5
  6. ABRUZZESE: Si conferma elemento su cui poter far affidamento. Sfiora la rete personale che gli avrebbe fatto aumentare il voto in pagella.  VOTO: 6,5
  7. LEPORE: Se avesse segnato direttamente su calcio d’angolo, sarebbe venuto giù l’intero stadio. È l’unico lampo di una partita in cui non ha brillato particolarmente. VOTO: 5,5
  8. SALVI: Tornato titolare, lotta con la solita grinta ma non si vede granché. VOTO: 5,5
  9. MOSCARDELLI: Un leone con tanta rabbia in corpo e una voglia smisurata di spaccare il mondo che trova sfogo nel gran gol realizzato sotto la Curva Nord. Buon segno in vista dei play-off. VOTO: 7 —> CARROZZA: Scampoli di match per il gallipolino che però trova il tempo di mangiarsi un clamoroso gol dal centro dell’area di rigore. VOTO: 5
  10. CATURANO: Trova il primo centro stagionale da titolare e sblocca una partita strana che i padroni di casa sembravano affrontare un po’ controvoglia. Poi si divora un’altra rete a tu per tu col portiere laziale VOTO: 6 —> SOWE: Si becca alcuni fischi dalla Curva Nord al momento del suo ingresso in campo ma non sembra risentirne e dà una mano ai compagni per tentare di scardinare la porta avversaria con quante più marcature possibile per rispondere alla goleada della Casertana. VOTO: 6
  11. DOUMBIA: Ritrova una maglia da titolare in una gara in cui trova pure la gioia della realizzazione personale e per di più di testa, non una sua specialità. Per il resto, gioca una gara senza acuti, eccezion fatta per l’esultanza polemica dopo la rete.  VOTO: 6 

All. ISETTO (Braglia squalificato): Il Lecce chiude la stagione con un successo casalingo che si spera possa essere di buon auspicio per il futuro. Ora, come in tanti in squadra amano ripetere, serve resettare tutto e concentrarsi sugli spareggi per dare a questo campionato un connotato davvero epico e che non si fermi alle sole note statistiche, pur lusinghiere. VOTO: 6

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.