Tempo di lettura: 2 minuti

Curva Benevento striscioni vs LegaLECCE – Nuova bufera o bolla di sapone? A Benevento la cosa è stata accolta con freddezza e tranquillità, ma se le notizie riportate da sito ViViCentro.it fossero confermate, il club campano rischierebbe di incorrere nella scure della Giustizia sportiva per un presunto illecito legato alla mancata cessione di un tesserato che all’epoca dei fatti era un ragazzo di belle speranze. Stando a quanto riportato da quel portale web, il Benevento e la Scuola Calcio Valle Telesina Asd (squadra di Telese Terme, in provincia di Benevento, affiliato con la A.S. Roma) dovrebbero rispondere di “violazione delle norme in materia di trasferimento” poiché le due società “hanno sottoscritto una scrittura privata” per la cessione del calciatore. Una vicenda che è partita dal momento in cui la Figc ha ricevuto un’informativa datata 10 novembre 2015 in cui si negava alla S.C. Valle Telesina di adire le vie legali nei confronti del sodalizio giallorosso per la mancata cessione di un forte giovane calciatore classe 1999.

Come si legge ancora, “dagli atti sopra indicati e dalle risultanze acquisite, è emerso che all’epoca dei fatti della Società Benevento Calcio S.r.l. e la S.C. Valle Telesina ASD, non conferme alle disposizioni federali e, in particolare, in violazione delle forme e delle modalità stabilite dalla NOIF e dal regolamento della LND” e visto che la stessa S.C. Valle Telesina ha consentito che fosse sottoscritta una scrittura privata tra le due società per la cessione del calciatore in questione, si riscontra violazione. Per il Benevento si profilerebbe la responsabilità oggettiva e per la S.C. Valle Telesina ASD responsabilità diretta ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 4, commi 1-2 del C.G.S., con relativo deferimento al Tribunale Federale Nazionale della Figc del dirigente della società sannita (il direttore sportivo dell’epoca, Massimo Mariotto), del dirigente della S.C. Valle Telesina interessato e degli stessi due club.Benevento-Lecce

La vicenda è ritenuta dagli ambienti beneventani una montatura, trattandosi di una vecchia storia che al massimo potrebbe costare alla società oggi capolista del Girone C di Lega Pro una sanzione pecuniaria, ma da altre parti si paventa il rischio di altri punti di penalizzazione da scontare nell’attuale campionato per il Benevento, proprio quando la società sannita spera di riottenere quello perso a tavolino lo scorso mese di marzo; la classifica potrebbe essere stravolta a fine stagione da decisioni della Corte d’Appello Federale.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.