Tempo di lettura: 3 minuti
ragno
Mister Nicola Ragno

NARDÒ (di Gabriele De Pandis)– Vincere per infiammare l’entusiasmo del “Giovanni Paolo II”, pronto a rispondere in massa all’appello fatto in settimana dall’ACD Nardò per spingere la squadra alla vetta, obiettivo inimmaginabile due mesi fa. La prevendita dei tagliandi a 5 euro, iniziata a gonfie vele in questi giorni, si concluderà questa sera. Mister Nicola Ragno ha voglia di far bene nonostante le assenze: “Abbiamo una rosa di 24 persone, – afferma mister Ragno-  affronteremo l’impegno con 5 unità in meno questa partita insidiosa. Il mio gruppo è importante, e le defezioni hanno caratterizzato l’intera stagione. Non ho mai avuto cinque squalificati, ma ho avuto tanti stop tutti assieme a centrocampo a Isola Liri per esempio. Faccio affidamento in chi gioca, -chiosa il trainer molfettese- si sa benissimo, e ci siamo fissati un obiettivo primario. Bisogna dare il massimo fino all’ultimo secondo. Sono contento di disputare la fine del campionato senza infortuni, non ci sono più titolari e tutti devono lottare per l’obiettivo comune. Tutti hanno sposato questa causa, indipendentemente dal ruolo svolto

La rimonta messa in atto in queste giornate dal Toro induce la truppa granata a provare l’exploit: “Più vai avanti, più cambiano gli obiettivi. –sottolinea l’ex Andria- Qualche mese fa nessuno pensava alla prima piazza, in quattro giornate siamo arrivati a -2. A questo punto, il calcio non è una scienza esatta, si cercherà di provare non lasciando nulla di intentato”.

L’avversario di domenica è da prendere con le pinze nonostante la classifica deficitaria: “L’Aprilia ha fatto tanti punti in casa –continua Ragno- e, fuori casa, fa meno punti forse a causa della giovane età. L’ho vista domenica col Potenza, ha messo difficoltà i lucani nonostante quattro assenze. Loro praticheranno un gioco offensivo con cinque effettivi e tre brevilinei in avanti. Noi dovremo essere bravi a verticalizzare e fare la nostra partita”.

Il tecnico granata rivive poi i perché dell’accelerata, leggendo le difficoltà di questo campionato: “Non ci credevo in questo distacco e non avrei immaginato i quattro pari della Virtus Francavilla. –afferma- Il campionato è strano, non c’è niente di scontato. Quello che è successo nell’ultimo periodo ne è la conferma, ad esempio il Picerno non molla per la retrocessione e il Serpentara è un’altra rispetto all’andata. Sono tutte squadre che cercheranno di salvarsi. Noi abbiamo affrontato domenica il Gallipoli, una squadra scorbutica e difficile da affrontare, e ne siamo usciti benissimo nonostante le tre espulsioni. Anche loro tenteranno di salvare i play-out”.

Il Nardò dovrà concentrarsi sulla sfida ai laziali, guardando il risultato delle concorrenti soltanto alla fine: “Il Fondi è un po’ indietro rispetto alle altre ma può rientrare grazie agli scontri diretti in casa con noi e con la Virtus Francavilla. Lì si giocheranno tu. La partita di domenica tra Francavilla in Sinni e Virtus? Non tiferò per nessuno, tifo solo Nardò Calcio. Tutto quello che avviene sugli altri campi –conclude Ragno- va visto solamente dopo il nostro impegno con l’Aprilia. Spero di continuare la serie di vittorie per poi vedere cosa succederà”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.