Tempo di lettura: 2 minuti
Carlo Vicedomini, capitano del Nardò
Carlo Vicedomini, capitano del Nardò

LEQUILE – Rientrato dopo tre turni di stop forzato causa squalifica, Carlo Vicedomini si è subito preso in mano la squadra, firmando l’assist vincente per la stoccata di Aperi che ha steso il San Severo. Il capitano granata racconta così le tre giornate senza campo: “Inizialmente l’avevo presa male – afferma Vicedomini –stavo pagando una sanzione fatta anche di cose non veritiere. Col tempo ho accettato questo grazie al gruppo e grazie ai miei compagni e il rientro è andato bene”.

Al “Ricciardelli” è arrivata una grande prestazione oltre all’ottimo risultato: La squadra ha fatto una prestazione importante anche in trasferta, era tanto che non accadeva e va bene così. Siamo entrati in campo con il piglio della grande squadra –sottolinea l’ex Taranto- per vincere la partita e ci siamo riusciti. Mi fa piacere che tutto sia coinciso con il mio rientro. Sono cosciente che se sto bene sono un giocatore importante per i compagni e per questa categoria, ne sono consapevole”.

Il Toro dovrà cercare ora la continuità: “Vincere crea entusiasmo durante la settimana, spingendoci ad allenarci meglio ed acquisendo fiducia. Dobbiamo continuare con la Turris, il nostro stato mentale è un’arma in più. L’avversario? Ci aspettiamo la classica squadra campana che verrà a battagliare per i tre punti; a seguito della sconfitta del Fondi sono rimasti un po’ tutti con l’ultima speranza play-off. Saranno diversi dall’andata ma dal punto di vista caratteriale sarà una partita tosta”.

Vicedomini non vuole porsi limiti: “La squadra può ambire in alto: per società, per serietà, per piazza e per gruppo sul campo. Nardò può mirare alla Lega Pro dopo la salvezza acquisita. In campo – ammette – non abbiamo mai pensato alla salvezza, il nostro obiettivo minimo sono stati sempre i play-off, e adesso abbiamo riaperto un campionato dove eravamo spacciati. Sarà bello giocarsi il campionato fino alla fine. Me l’aspettavo? No, pochi si aspettavano la vittoria del Picerno sul Francavilla e il rallentamento della Virtus. In ogni caso, noi dobbiamo fare il nostro cammino e cercare di aprire ancora di più ogni discorso”

Il prossimo mese potrà essere cruciale: “Da domenica è partito un ciclo importante, ci saranno tre partite in casa su cinque e il pubblico ci darà una grossa mano. Tranne col Francavilla in Sinni e col Fondi, ci giocheremo gli scontri diretti in casa. Cerchiamo di arrivare alla partita col Taranto col massimo dei punti”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.