Tempo di lettura: 1 minuto
calderaro
Matteo Calderaro, portiere del Gallipoli

GALLIPOLI – Due parate salva-risultato e una lussazione alla spalla recuperabile in tre settimane. La vittoria contro l’Aprilia è stata sicuramente spinta dalla grande prestazione di Matteo Calderaro, estremo difensore del Gallipoli, chiamato ai miracoli proprio nel giorno del suo compleanno, caduto domenica: “Sono contento, i ragazzi mi hanno fatto un regalo stupendo, – sottolinea Calderaro – è stato bellissimo aiutare la squadra in un momento di difficoltà. Peccato per l’infortunio dopo quelle due parate su Roversi e Bosi ma sono felice per la vittoria. Quale la più difficile? La seconda, dopo essermi rialzato a seguito del primo intervento”.

L’1-0 contro l’Aprilia ha dato continuità al punto strappato contro il Pomigliano: “La vittoria fa morale e classifica. Venivamo dall’altro risultato positivo di sette giorni fa a Pomigliano, ma questi punti, oltre che alla classifica, fanno bene al morale della squadra. E’ una cosa essenziale”.

Quello contro i laziali è stato il successo del gruppo: “Sono molto soddisfatto, ma il merito è della squadra. -chiosa il portiere cosentino- La mia partita è stata solo un piccolo valore che poi si è andato a sommare a quello degli altri. Io faccio il mio, loro fanno il loro. Solo così ci si può salvare. Bisogna continuare con il cuore e soprattutto con le gambe. Ci crediamo alla salvezza. Spero di recuperare presto dall’infortunio per poter dare una mano al Gallipoli”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.