Tempo di lettura: 2 minuti
Cosenza e Sowe
Cosenza e Sowe

LECCE – È un Ciccio Cosenza disponibile e gentile quello che, insieme ad Ali Sowe, questo pomeriggio si è raccontato ai piccoli tifosi che, nell’ambito del progetto #IoTifoLecce (Leggi qui), hanno visitato lo stadio Via del Mare e colto l’opportunità di diventare giornalisti per qualche minuto.

Le domande degli allievi della scuola calcio Real Lecce sono state mai banali e talvolta pungenti. “Come mai – chiede un ragazzino – questo Lecce perde o pareggia contro le squadre più deboli?“. “Quando giochi con le squadre meno forti – risponde il centrale ex Pro Vercelli – hai solo da perdere perché, come successo contro il Martina Franca, loro si chiudono e hai difficoltà a fare goal ma, quando segni, si aprono e i veri valori vengono fuori. Quest’anno, comunque, abbiamo sottovalutato un po’ di squadre“. Fondamentale per i calciatori del Lecce, ovviamente, è il supporto di quella che è stata ribattezzata come “La Tana dei Lupi”: “Il pubblico è ovviamente fondamentale perché quello che loro danno sugli spalti, noi lo diamo in campo trovando anche la forza di fare qualcosa in più“. Il bilancio dell’esperienza leccese, poi, è decisamente positivo: “Vivo a Lecce con la mia famiglia e mi trovo molto bene anche perché è una città bella e si vive benissimo“. A chi ha già la testa alla sfida con il Foggia, Ciccio Cosenza lancia un messaggio chiaro: “È forse la squadra più forte del nostro girone, ma prima abbiamo l’altrettanto importante sfida con il Catania. Cerchiamo di vincere in Sicilia e dopo pensiamo al Foggia“.

Inevitabile le domande degli aspiranti difensori che chiedono come diventare forti in quel ruolo: “Ci vuole aggressività, forza, voglia di giocare e grinta. Si tratta di un ruolo difficile perché si deve rimanere sempre concentrati, ma è decisamente il ruolo più bello“. Riguardo al passato, è stato chiesto quali sono stati gli attaccanti più forti contro cui Cosenza ha giocato: “Ho giocato una sola partita in serie A nella mia carriera e l’ho fatto contro l’Inter che all’epoca aveva in attacco Balotelli, Ibrahimovic e Crespo. Gli attaccanti più forti di questa Lega Pro? Li abbiamo tutti a Lecce (ride)“.

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.