Tempo di lettura: 3 minuti
nardò francavilla palmisano
Alessio Palmisano

LECCE – Pesante stangata per il Pomigliano, punito dal Giudice Sportivo per i fatti che hanno caratterizzato il dopopartita del match con il Gallipoli. Per il Nardò, orfano di Palmisano nella trasferta di San Severo, ci sono da registrare le assenze di tre elementi della formazione di De Felice. Per la sfida al Toro, il San Severo non potrà infatti contare su Cipolletta, Rossi e De Luca. Di seguito le decisioni del Giudice sportivo dopo la ventiduesima giornata del girone H di Serie D.

Calciatori – Tre giornate a Terracciano (Torrecuso), Sperandeo (Turris); due giornate a Despucches (Pomigliano), Cipolletta, Rossi (San Severo); una giornata per Li Muli (AZ Picerno), Orsinetti (Isola Liri), Impagliazzo (Torrecuso), Manzo, Gallo, Romano (Turris), Navas (Potenza), De Luca (San Severo), Alleruzzo (Fondi), Palmisano (Nardò),

Allenatori – Due giornate a D’Angelo (Pomigliano); una giornata a Farina (Torrecuso).

Dirigenti – Marino (San Severo) inibito fino al 24 febbraio; Ciarlone (Fondi) e Zotti (Torrecuso) inibiti fino al 17 febbraio.

Multe – 2.000 euro per il San Severo (“Per avere propri sostenitori rivolto, per la intera durata della gara, espressioni offensive all’indirizzo della Terna Arbitrale. I medesimi lanciavano sputi in direzione di un A.A. attingendolo ripetutamente alla divisa. Inoltre, al termine della gara, mentre si accingeva ad entrare nello spogliatoio, il Direttore di gara veniva raggiunto da un tappo di bottiglia lanciato da persona non identificata ma chiaramente riconducibile alla società, che lo colpiva alla testa”), 1.800 euro per il Potenza (“Per avere propri sostenitori, nel corso del secondo tempo, attinto con numerosi sputi un A.A. che lo colpivano sul volto, alla nuca, sul braccio, nonchè sulla divisa”), 1.000 euro per il Torrecuso (“Per avere propri sostenitori lanciato all’indirizzo di un A.A. due bottiglie di acqua semipiene ed alcuni sputi che non lo colpivano. Inoltre, al termine della gara, persona non identificata ma chiaramente riconducibile alla società, rivolgeva espressione offensiva al Direttore di gara”), 600 euro per la Virtus Francavilla (“Per avere propri sostenitori introdotto ed utilizzato materiale pirotecnico, 2 bombe carta, nel settore loro riservato. Sanzione così determinata in considerazione della idoneità del materiale pirotecnico impiegato a cagionare danni alla integrità fisica dei presenti”).

Società – Squalifica del campo (da scontare su neutro ed a porte chiuse) fino al 30 giugno ed ammenda di 5.000 euro al Pomigliano (“Per avere, due persone non identificate ma chiaramente riconducibili alla società, al termine della gara, fatto irruzione negli spogliatoi rivolgendo espressioni gravemente offensive all’indirizzo della Terna Arbitrale. Una di queste, qualificatasi come Presidente della società, afferrava per il collo un A.A. e, dopo averlo strattonato, gli sferrava un calcio alla coscia sinistra provocandogli sensazione dolorifica mentre l’altro, qualificatosi come Vice Presidente tentava di aggredire uno degli Ufficiali di gara senza riuscirvi. Infine, mentre la Terna Arbitrale abbandonava l’impianto sportivo, veniva raggiunta da espressioni intimidatorie ad opera di persona non identificata ma riconducibile alla società. Sanzione così determinata in considerazione della eccezionale gravità della condotta sopra descritta, aliena ai principi di lealtà, probità e correttezza di cui all’art.1 CGS, nonché della recidiva generica e specifica di cui ai C.U. 26 e 74. Si trasmettono gli atti alla Procura Federale affinché provveda alla identificazione dei responsabili degli episodi descritti”).

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.