Tempo di lettura: 4 minuti

IMG_6146NARDÒ- Più di due mesi senza vincere chiusi dall’urlo finale sotto la tribuna, con capitan Vicedomini a raccogliere tutti i compagni. Il Nardò torna alla vittoria e lo fa battendo per 1-0 il fanalino di coda Picerno dopo una partita ampiamente dominata dal Toro, attento in difesa (zero le conclusioni verso lo specchio della porta difesa da Chironi) e creativo nelle giocate offensive nonostante un terreno di gioco ancora una volta al limite della praticabilità. Ragno, come al solito alle prese con tanti infortuni che hanno ridotto la rosa all’osso, è stato caparbio nell’insistere con Presicce, schierato soltanto dopo la rifinitura, e quasi costretto a rischiare Cassano e Mancarella, reduci da una settimana caratterizzata da guai fisici.
Primo tempo– Ragno, complice il campo pesante, passa al 4-3-3 e mette Prinari al centro con Vicedomini e Oretti play. Palmisano e Presicce avanzano in attacco a supporto di Romeo, debutto dal 1′. Il Picerno, rafforzato dal mercato di dicembre ma orfano di Perna e Varriale, si schiera con il 4-4-2, anche se Bacio, schierato largo sulla fascia destra, spinge molto sulla corsia di competenza, faticando quindi in fase difensiva. Al 9′ Vicedomini apre il compasso per Prinari che elude la trappola del fuorigioco, mette a terra e scaglia un destro dove Ioime fa il fenomeno deviando in angolo con un riflesso. Dopo due minuti Oretti, direttamente da calcio piazzato, impegna il portiere rossoblù, chiamato ancora alla parata con la mano di richiamo. Il Nardò riesce ad avere buon gioco nonostante il campo fangoso e la reazione del Picerno è un tiro fiacco di Catalano, finito fuori al 12′. Lo stesso attaccante lucano ha sui piedi un buon pallone al 16′, ma il tiro è alto di poco. Il Toro accumula calci d’angolo, arrivando a 5 già al 18′, ma senza sfruttarli bene. Al 20′ Palmisano apre lo spiraglio sulla fascia destra, ma il cross è respinto da Miglionico in corner. Presicce getta al vento una grossa occasione al minuto 25. Un pallone vagante a centrocampo è sventato male da Conti, che svetta a vuoto liberando Romeo, servizio sulla sinistra per Presicce che, solo contro Ioime, spara sul portiere. Il Nardò domina e al 27′ si presenta al tiro con Prinari dopo un batti e ribatti in area ma Ioime para a terra. Il portiere del Picerno è provvidenziale ancora una volta al 32′ quando alza in corner un’altra punizione al veleno di Oretti. Vicedomini, voglioso di far bene dopo un’inizio balbettante con qualche palla persa, ci prova con un diagonale al 35′, ma l’estremo ospite para con sicurezza. Al 42′ altra occasione per il Nardò, Cassano penetra in area dalla destra, Prinari prova il tuffo di testa che rimpalla su Conti, sulla ribattuta s’avventa Romeo che conclude di prima fuori misura.

nardò prinari
Tiziano Prinari, centrocampista del Nardò

Secondo tempo– Ad inizio ripresa c’è un’altra occasionissima gettata al vento dal Toro, incapace di capitalizzare il dominio sul piano del possesso palla. Sull’ennesima punizione pennellata al centro da Oretti, Presicce manca l’impatto pulito con la sfera e manda in aria. Un indiavolato Prinari scuote la difesa del Picerno al 7′, ma il tiro del giovane leccese si spegne a lato. Al 10′ il Toro passa. Punizione di Oretti battuta a sorpresa sulla corsia destra per Palmisano, cross teso al centro, Cassano liscia l’impatto nell’area piccola e Presicce sfugge dalla marcatura e insacca nella porta sguarnita per il meritato vantaggio granata. Una volta messa la freccia, i granata spingono ancora sull’acceleratore con Oretti che tenta il tiro, troppo strozzato sul primo palo. Il Picerno serra le fila, prova a resistere, ma non si fa vedere dalle parti di Chironi, perfetto nell’uscita alta sulla punizione di Esposito, ma avanza il proprio baricentro. Il terreno di gioco non aiuta gli elementi più tecnici schierati dai due allenatori, ma il Nardò non riesce ad arrivare lucido nell’area avversaria. Due tiri sporchi di Vicedomini non mettono paura a Ioime e Ragno, al 34′, cambia veste ai suoi irrobustendo la mediana con Gigante per Presicce. La partita s’innervosisce alla fine, ma l’undici di La Cava non abbozza neanche un forcing offensivo. Il Toro torna alla vittoria, quello era l’obiettivo primario, per i dettagli ci sarà tempo.

Il tabellino
Nardò-Picerno 1-0
Nardò (4-3-3): Chironi; Cassano, Lanzolla, Allegrini, Mancarella; Prinari (42’st Montinaro), Oretti, Vicedomini; Palmisano, Romeo (48’st Facecchia), Presicce (34’st Gigante). A disp.: Liaci, Zinetti, Minonne, Moriero. All. Ragno.
Picerno (4-4-2): Ioime; Del Gaudio, Pascuccio, Conti, Miglionico; Bacio (25’st Gerardi), Acampora (35’st Colarusso), Li Muli, Pisani; Catalano (6’st Tarascio), Esposito. A disp.: Capece, Cherchia, Errico, De Santis, Minicone. All. La Cava.
Reti 10’st Presicce.
Ammoniti 31′ Del Gaudio (P), 45′ Ioime (P), 32’st Cassano , 50’st Pascuccio (P).
Arbitro Gionatan Civico di Vasto (D’Arco-Montuori)
Note: pomeriggio nuvoloso, temperatura 14 °C. Tiri in porta 8-0, Tiri fuori 3-4, corner 13-2, in fuorigioco 2-1. Spettatori 2000 circa (50 circa provenienti da Picerno).  Recuperi 1’pt, 5’st.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.