Tempo di lettura: 1 minuto

bragliaLECCE – Il Lecce è partito alla volta di Pagani dove domani pomeriggio alle ore 15:00 se la vedrà con la formazione azzurrostellata di Grassadonia. Una sfida che per Piero Braglia non va assolutamente presa sottogamba e che dovrà essere giocata con la massima concentrazione per non vanificare ciò che di buono la sua squadra è riuscita a fare. In particolare, secondo la logica inculcata a tutto il gruppo, occorre pensare gara per gara, senza rivolgere la testa al futuro, magari chiamato Benevento, di scena domenica 20 dicembre al “Via del Mare” prima del rompete le righe per la sosta invernale del campionato di Lega Pro.

Al “Marcello Torre” Braglia che ha parlato con i giornalisti nell’immediata vigilia del match, vuole un Lecce attento, che non abbassi la guardia e, soprattutto, per nulla appagato da quanto raccolto finora, leggasi il sudato successo col Messina. Una vittoria importante, come quelle colte in precedenza, ma pur sempre un gradino di una scala ancora tutta da costruire. La posizione di classifica dei campani non deve trarre in inganno. La Paganese è, per stessa ammissione del tecnico toscano, compagine degna di rispetto che in casa ha dalla sua un publico in grado di darle quel qualcosa in più che potrebbe creare condizioni ambientali sfavoreli a chi ci va a giocare. Inoltre, come dimostrato dall’osservazione dell’ultimo incontro col Catanzaro, la compagine azzurrostellata non meritava la sconfitta.

Infine, Braglia ha fatto una considerazione sull’ormai prossimo calcio-mercato “di riparazione” che è troppo lunga come finestra di mercato, durando un mese. Tra l’altro, a detta del mister giallorosso, l’argomento dev’essere un tabù per il Lecce che non deve assolutamente perdere la giusta concentrazione sul torneo che si sta disputando.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.