Tempo di lettura: 2 minuti
Mbida gallipoli
Jean Mbida, centrocampista del Gallipoli

MARCIANISE- Il Gallipoli cede il passo al Marcianise, vittorioso tra le mura amiche con un secco 3-0 importante in chiave salvezza. Per il Gallo rimane il rimpianto del pari mancato con un rigore di Mbida, sciupato poco prima del gol del raddoppio campano. La partita ha preso il volo proprio in quel minuto. Da lì ad ora il match è stato un monologo gialloverde, con i ragazzi di Campana sempre in controllo.

La partita– Una girata al 3’ di Sperandeo apre il tabellino delle occasioni, inaugurato anche dal Gallipoli con un’azione personale di Mauro al 12’, folata dalla quale scaturisce un corner che Lorusso di testa per poco non converte in rete. Quattro minuti dopo D’Anna prova ad inquadrare la porta, ma il tiro produce solo un angolo, sul quale Baratto spreca il vantaggio davanti a Frigerio. Il vantaggio del Marcianise arriva al 32’. Sovrapposizione di Ciano sulla destra, cross perfetto per Sorrentino che, di testa, batte Frigerio. I padroni di casa falliscono poi il raddoppio prima del riposo con Sorrentino e D’Anna. Ad inizio ripresa il Gallipoli ha l’occasione per pareggiare dopo soli 3’. Fossa si fa soffiare la sfera da Negro, Follera atterra l’eclettico attaccante giallorosso e l’arbitro decreta il rigore. Dal dischetto Mbida si fa parare il tiro da Zeoli, fallendo il gol anche sulla ribattuta a causa di un magistrale recupero del portiere campano. Lo stesso Zeoli avvia l’azione del contropiede che porta al raddoppio: lancio lungo per Sperandeo, stop perfetto e servizio sulla sinistra per Barone che indovina il diagonale giusto. Il colpo annichilisce il Gallipoli ed il Marcianise arriva al 3-0 con Sorrentino, bravo a capitalizzare il perfetto assist di Sperandeo per la doppietta personale. Il Gallipoli ci prova alla fine con Luca e Lorusso, ma senza pungere.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.