Tempo di lettura: 3 minuti
nardò francavilla palmisano
Alessio Palmisano

NARDÒ- Il quarto pareggio consecutivo costringe il Nardò a lasciare la vetta della classifica. Lo 0-0 maturato al “Giovanni Paolo II” è sfruttato dalla Virtus Francavilla, vittoriosa sul Bisceglie in casa con un sonoro 4-1 e nuova capolista del campionato. Il pari però è giunto dopo una partita dalle molte occasioni per il Nardò, incapace però di cogliere il giusto cinismo e mettere la freccia per il sorpasso.

Ragno schiera i suoi con il 4-4-2; Cassano e Caporale agiscono ai lati di Strumbo e Lanzolla, al centro si ricompone la coppia centrale Lanzillotta-Vicedomini ed avanti Malcore affianca Lattanzio. Il Marcianise di Campana, tecnico ben conosciuto da Ragno, punta sul trio di trequartisti Sorrentino, V.Barone e Baratto a supporto di Sperandeo.

I campani, squadra di valore, mostrano subito il loro spessore in avvio. Sorrentino prova il tiro-cross ma Chironi è attento. Lattanzio risponde per il Toro con un tiro non calibrato al quarto d’ora. Il Nardò sfiora il vantaggio al 17’: Vicedomini pesca in verticale Lattanzio che guadagna l’ingresso dell’area ma temporeggia troppo al momento del tiro, la sfera perviene poi a Malcore che però tira a lato. Il Marcianise, scosso dall’infortunio di Lopetrone sostituito da Rossetti, rischia ancora al 26’. Sponda di Malcore per Palmisano, cross teso al centro dell’area e occasione non colta da Lattanzio che non aggancia bene il pallone. Lo stesso ex Andria, vogliosissimo, penetra in area prepotentemente al 27’ prima di servire Malcore, il quale tira debolmente. La punta di San Donaci veste i panni dell’assistman poco dopo quanto, direttamente da rimessa, mette in movimento Montinaro che si rende pericoloso con un avvitamento di testa sul quale Barone c’è. Strumbo, al 31’, perde un pallone pesante, ma la difesa del Nardò neutralizza il pericolo all’interno dell’area. Sorrentino prova a scuotere il Marcianise con una punizione dalla lunga distanza, ma Chironi è sicuro.

Il Nardò tiene botta anche nella ripresa, inaugurata dalla conclusione sul fondo di Lattanzio. I granata provano ad abbozzare l’assedio con un pallone teso di Caporale scagliato al centro dell’area sventato dai difensori campani sulla linea di porta prima di un sinistro di Lanzillotta impresso senza la forza giusta. Al 17’ un buon contropiede non è sfruttato da Malcore che ritarda il servizio per Lattanzio e opta per un tiro controllato agevolmente da Barone. Lo stesso Malcore, su assist di Presicce, ha un’ottima occasione al 25’ ma il tiro è sparato alto. Il Nardò ci crede, ma i ragazzi di Ragno peccano di poco cinismo. Presicce impatta bene di testa al 29’ su cross di Vicedomini, ma la sfera scorre fuori. Stessa storia per l’inzuccata di Palmisano, parata dal portiere ospite. Il Nardò cala nel finale, ma il Marcianise non va oltre una ripartenza sulla quale Chironi è provvidenziale su Sorrentino, ipnotizzato in un uno contro uno che poteva costar caro ai granata. Poco prima Lattanzio si guadagna il rosso per una presunta gomitata su Fossa ravvisata dal direttore di gara. Il ritorno al “Giovanni Paolo II” non coincide con il ritorno alla vittoria. Lo 0-0, quarto pareggio consecutivo, non è però un passo indietro di una squadra sempre sul pezzo, capace di giocarsela alla pari con le big del campionato.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.