Tempo di lettura: 2 minuti

Striscione contro i Tesoro Curva Nord LecceLECCE – Concorso in violenza nel tentato condizionamento della regolare attività della società all’epoca dei fatti gestita dalla famiglia Tesoro e minacce di morte per costringere a commettere un reato nei confronti di un allora calciatore tesserato per l’U.S. Lecce (l’uruguaiano Walter Lopez, ndr). Sono queste le accuse mosse dagli agenti della DIGOS della Questura di Lecce nei confronti di due ultras giallorossi (di 40 e 32 anni), entrambi sottoposti a Daspo, di cui uno già finito in galera per vicende legate alla squadra giallorossa.

Le indagini, che si sono avvalse di intercettazioni ambientali e riprese video, sono dirette dal magistrato Ennio Cillo e riguardano un episodio legato al dopo-match di Lecce-Foggia dello scorso torneo quando il calciatore venne atteso sotto casa da un gruppo di una decina di facinorosi che lo costrinsero a scendere dalla sua auto e ad avere un acceso confronto addirittura sfociato in minacce di morte se non avesse rivelato attraverso la stampa presunti ritardi nei pagamenti degli stipendi da parte della proprietà del club. Episodio che portò il sudamericano a pensare di lasciare la città e rescindere il contratto, salvo poi far marcia indietro e restare fino alla fine del campionato.

Gli Curva Nordinquirenti hanno notificato nelle scorse ore gli avvisi di garanzia e la notifica della chiusura delle indagini nei loro confronti. Ad entrambi spetterà ora il compito di rispondere delle pesanti accuse e dimostrare, nel caso, la propria estraneità alle vicende contestate.

Ad ogni modo, questo è solo l’ennesimo capitolo del braccio di ferro in atto da anni tra una frangia della Curva Nord leccese e l’Ufficio indagini speciali della Polizia del capoluogo salentino. In passato numerosi arresti e daspo hanno infatti interessato gli Ultrà Lecce nei confronti dei quali si sono già celebrati diversi processi conclusi a volte con condanne per i componenti del tifo più acceso del club salentino, altre con assoluzioni che hanno smentito le ipotesi accusatorie.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.