Tempo di lettura: 3 minuti
ragno nardò
Mister Nicola Ragno

NARDÒ- Le partite di vertice sono facili da preparare sul piano dell’attenzione. Questo era il motto di Ragno alla vigilia della vittoria di Aprilia, ripetuto ora che al big-match contro il Taranto mancano solo trentasei ore. Allo “Iacovone” il Nardò affronterà la seconda partita di vertice dopo la sconfitta a Francavilla in avvio. L’allenatore granata Nicola Ragno legge i progressi della sua squadra proprio a partire dal passo falso in terra brindisina: “Da Francavilla a oggi abbiamo fatto tantissimi passi in avanti. Sei vittorie non sono poca cosa in Serie D. Abbiamo una media punti altissima in tutta Italia. La partita è fatta di episodi, i match più difficili da preparare sono quelli con le ultime, in questa settimana ho visto i ragazzi pieni di stimoli, motivatissimi giovedì e venerdì dopo la sconfitta in Coppa. Cercheremo di sfruttare i loro difetti ed imporre il nostro gioco. Gli episodi, come detto prima, fanno la differenza e spero che girino a nostro favore”.

Il focus si sposta poi sulla sfida al Taranto: “È senza dubbio una partita importante. Incontriamo la seconda in classifica, e la incontriamo in una condizione particolare scaturita da una situazione psicologica non delle migliori, non dico che loro siano all’ultima spiaggia ma domenica per loro sarà fondamentale. Noi siamo tranquilli, andremo a giocarcela come tutte le altre giornate dando il massimo”.

Il campionato d’alta classifica del Toro non causa pressione psicologica a mister Ragno: “Anche in passato, in Eccellenza, non ho mai avvertito la pressione del primo posto. Lavoriamo tranquillamente, se vinciamo siamo lì, se perdiamo o pareggiamo non ne faremo un dramma .Il nostro obiettivo – continua l’ex Andria – è giocarcela con tutti ed ho una squadra che mi permette di farlo. Per ora ci sta andando bene e spero che l’andazzo continui così. I calcoli si faranno più in là, adesso è bene fare punti per stare tranquilli. La squadra è non si ancora espressa al centro percento in tutti i suoi effettivi, quando lo faranno vedremo dove si potrà arrivare. I giocatori sono felici di quanto è stato fatto, ma ciò non toglie la voglia di vincere domenica. Affrontiamo il Taranto con serenità e con la consapevolezza sui nostri mezzi”.

L’avversario non inquieta il trainer molfettese, conscio delle qualità rossoblù ma concentrato a spremere il meglio dai suoi:“ Sappiamo tutto del Taranto, hanno provato tantissimi schemi, 4-3-1-2. 4-2-4, 3-4-3, 3-5-2. Ci preoccupiamo relativamente di loro, pensiamo a fare il nostro gioco e ad evitare le loro individualità. Hanno perso due volte sul campo, nonostante la classifica dica diversamente a causa del ricorso contro il Bisceglie, ma hanno una rosa importante. I pilastri dello scorso anno, Pambianchi, Genchi e Marsili, sono stati affiancati da gente d’altra categoria come Manganelli, D’Angelo, Esposito, Improta e Russo e da under bravi. A Taranto, come a Nardò, c’è tanta pressione, il tifoso vuole sempre vincere e non accetta i due passaggi sbagliati. Lì c’è un obiettivo da rispettare e la squadra è stata costruita da un d.s. esperto ed ha un allenatore bravo e giovane come Cazzarò. Noi, da parte nostra, abbiamo voglia di rimanere in testa divertendoci e giocandocela con tutti. Abbiamo fatto delle grandi gare, avendo anche un pizzico di fortuna, ma non bisogna solo guardare la fortuna capitata a noi”.

Per la prima volta il Nardò potrà contare sulla quasi totalità dei suoi elementi: “In questi tre mesi abbiamo avuto tantissimi infortuni, in ultimo quello di mercoledì, Balistreri per quest’anno ha finito di giocare. Il guaio si è aggiunto a quello di Lanzolla nel primo giorno di ritiro, Lanzillotta, Allegrini, Ricciardo. Le assenze però non mi hanno bloccato più di tanto, non mi lamento. Tutti sono utili, nessuno è indispensabile. Non mi sono mai lamentato, ora ho tutta la rosa disponibile e con tutta la rosa affronteremo questa bella partita. Tutti hanno minuti nelle gambe, anche i recuperati. Lanzillotta mercoledì ha fatto i 90’, Lanzolla un’ora e Allegrini ha giocato l’ultima mezz’ora.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.