Tempo di lettura: 1 minuto

malcore nardòAPRILIA- Il Nardò vola, e lo fa grazie ad una vittoria poco adatta ai deboli di cuore. Il colpo di genio di Giancarlo Malcore al 91’ regala quattro punti di distacco dal secondo posto e tanta carica in vista del big match dello “Iacovone” di Taranto tra sette giorni, partita alla quale gli umori della vigilia saranno opposti a causa del 2-0 inflitto dalla Turris alla squadra jonica. Il mattatore della vittoria di Aprilia è stato proprio Giancarlo Malcore. Il primo gol della settimana scorsa ha sbloccato il bomber di San Donaci, autore di una doppietta al “Quinto Ricci”.

I padroni di casa, ultimi a quota quattro punti, cominciano bene, confermando la pericolosità mostrata nonostante i frequenti passaggi a vuoto. Un colpo di testa di Maola al 2’ finisce di poco fuori. Lo stesso Maola protesta poco dopo per un calcio di rigore non assegnato, ma l’arbitro non ravvisa alcuna irregolarità. Il primo tempo è noioso, nessuna occasione rompe gli equilibri ed il tabellino rimane pressoché vuoto. Nel secondo tempo il leitmotiv cambia. Al 10’ Malcore, con una gran botta, premia al meglio un assist di Palmisano e firma il vantaggio. La reazione dei padroni di casa è formidabile, infatti, dopo quattro minuti arriva il pari. Errore in uscita di Chironi e rimpallo raccolto dal lesto Maola che la mette dentro. Il Nardò vacilla dopo il gol. Strumbo, già ammonito, si becca il secondo giallo per una reazione esagerata su Pagliaroli. La superiorità numerica dà forza ai laziali, ma Pagliaroli sciupa dal cuore dell’area. Gol sbagliato, gol subito e delirio Toro nel primo minuto di recupero, quando Malcore prende palla spalle alla porta e riesce nella torsione vincente nonostante la marcatura di Esposito, il tiro beffa Caruso e regala tre punti ai granata, sempre più soli in testa al campionato.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.