Tempo di lettura: 1 minuto

Campionato dell'equilibrioLECCE (di Italo Aromolo) – È il campionato dell’equilibro. Il Girone C della Lega Pro si guadagna questo appellativo per una statistica che lo fa risaltare in campo nazionale ed internazionale come la competizione più incerta e combattuta. E’ infatti l’unico torneo in cui, dopo quattro giornate, nessuna squadra è riuscita a vincere più di due partite e raggiungere la doppia cifra di punti in classifica. Le capoliste Casertana, Benevento e Paganese sono ferme a quota 8 per il ruolino di marcia di due vittorie e due pareggi. Ci sarebbe potuto riuscire il Catania, vittorioso in tutte e tre le sue partite, ma la penalizzazione di 9 punti colloca gli etnei ancora all’ultimo posto a zero punti.

Il resto dei campionati europei è dominato da squadre che, dopo quattro giornate, avevano già fatto il pieno di successi: l’Inter in Serie A con 12 punti, gli stessi del Livorno in Serie B, della Spal in Lega Pro-Girone B, del Barcellona nella Liga spagnola, del Paris Saint German in Ligue 1 francese, del Manchester City nella Premier League inglese e della coppia Bayern Monaco/Borussia Dortmund nella Bundesliga tedesca.

Nel Girone C del terzo campionato italiano, invece, di una squadra in grado di spaccare il campionato non ve ne è neanche l’ombra. Dietro a questo equilibrio c’è sicuramente il maggior livellamento tecnico che, in generale, accomuna i campionati minori. Il nostro in particolare, perché alcune big come Foggia, Lecce, Juve Stabia e Matera sono partite decisamente con il freno a mano tirato. Ed è proprio a vantaggio di queste che il rattrappimento della classifica sembra giocare: basti pensare che oggi, in caso di vittoria sul Catania ed una complicata congiuntura di risultati dagli altri campi, il Lecce potrebbe anche ritrovarsi in vetta alla classifica.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.