Tempo di lettura: 5 minuti
Martina Lecce
La traversa colpita da Lepore

LECCE (di M. Cassone) – Si alza il sipario sulla 4^ giornata del Girone C di Lega Pro allo stadio “Tursi” di Martina Franca. Arriva il Lecce di mister Asta che cerca la vittoria per spegnere dubbi e paure scaturite dopo le prime tre giornate con solo 4 punti in classifica all’attivo; d’altro canto anche il Martina del leccese Massimiliano Lippolis ha bisogno di muovere la classifica che segna soltanto un punto. Trasferta vietata ai tifosi giallorossi, lo stadio si colora soltanto di biancazzurro. Le due squadre danno vita ad un partita interessante nella quale il Lecce è fermato dalla sfortuna.

Il primo tempo termina col vantaggio del Martina che gonfia la rete con Franchini; il Lecce gioca meglio ma è sfortunato e colpisce sue legni, palo di Diop e traversa di Lepore; vantaggio del tutto immeritato quello della squadra di Incocciati.

Nel secondo tempo Viotti nega nei primi minuti la gioia del pareggio al Lecce ma la squadra giallorossa rispetto al primo tempo è più lenta e con poche idee, rimane in dieci ma riesce miracolosamente a pareggiare al 90° grazie ad un bellissimo gol di Vècsei.

Il pareggio va stretto al Lecce che continua a percorrere un tunnel sfortunato dal quale non riesce proprio ad uscire. Purtroppo nel calcio vince soltanto chi segna, pali e traverse servono soltanto per le statistiche. Nonostante le assenze la squadra di Asta nel primo tempo sembra in crescita rispetto alle altre uscite ma questo non basta. Sfortuna a parte, però, bisogna dire che i giallorossi ancora non hanno una vera identità di gioco forse a causa dei tanti infortuni che costringono il mister di Alcamo a delle scelte obbligate. Il Martina è una squadra che sicuramente potrà lottare per rimanere in Lega Pro. Finale da dimenticare nel quale i tifosi martinesi invadono la Tribuna centrale cercando il contatto con dei leccesi presenti. Fortunatamente non accade nulla. E questo poi non è più calcio… parliamo d’altro.

PRIMO TEMPO – Asta deve fare a meno di Lo Bue, Salvi, Cosenza, Moscardelli e Curiale e deve inventarsi un’arma offensiva tutta nuova, opta per il 4-3-3 e manda in campo: Perucchini; Beduschi, Camisa, Freddi, Liviero; Lepore, De Feudis, Papini; Surraco, Diop, Carrozza. Incocciati risponde a specchio: Viotti; Allegra, Sirignano, Migliaccio, Rullo; Cristofari, Viola, De Lucia; Bogliacino, Cristea, Franchini. Sono gli ospiti a prendere subito le redini del gioco in mano con il Martina che attende e riparte ogni qualvolta riesce a farlo.

Subito in affanno la difesa dei padroni di casa che fa quel che può contro l’indemoniato Diop ben servito da Surraco e Lepore. I giallorossi già al 4° si rendono pericolosi con Diop che stoppa di spalla-petto e calcia di poco alto sulla traversa della porta difesa da Viotti. Dopo 3 minuti il portiere biancazzurro è costretto ad uscire di testa fuori area per evitare il peggio, infatti tutta la linea offensiva del Lecce si avventava su quella sfera. Al 15° Diop entra in area, angola il tiro che viene smorzato da Allegra prima di stamparsi sul palo. Al 19° Surraco ruba palla a centrocampo, s’invola e cerca Diop ma Sirignano anticipa l’attaccante e salva il Martina. Il Lecce meriterebbe il vantaggio ma la sfortuna continua la sua tortura, così come al 21°: Beduschi batte l’angolo, Papini di testa schiaccia a rete, Viotti compie un vero e proprio miracolo e l’accorrente Lepore da due metri colpisce la traversa. E il calcio è sempre tutto il contrario di tutto, chi sbaglia paga, chi sbaglia è punito dalla dura legge del gol. Al 28° il Martina Franca passa in vantaggio con una bella azione, l’unica degna di nota del primo tempo: De Lucia prende palla, vede Viola e lo serve, lui si lancia sulla fascia e pennella un cross al bacio per Franchini che castiga di testa Perucchini. Il Lecce ci riprova ma sente la botta, la sfortuna è tanta, il primo tempo termina col vantaggio della squadra di Incocciati che ottiene il massimo col minimo sforzo.

Diop
Diop

SECONDO TEMPO – Viotti para tutto, sembra questo il tema della gara; anche il secondo tempo si apre con l’estremo martinese sugli scudi. Al 53° Carrozza gioca bene una palla, la nasconde agli avversari, entra in area e crossa al millimetro per la test di Diop che impatta alla perfezione ma Viotti arriva in tuffo laddove nessuno se lo sarebbe aspettato. Al 57° Incocciati manda in campo Baclet al posto dell’impalpabile Cristea. Un minuto dopo Viotti salva ancora il risultato su un bel tiro di Liviero che scarta un avversario e tira appena entrato in area.

Al 60° Asta prova la carta Cicerello, lo manda in campo al posto di Carrozza. Il Lecce gioca all’attacco e al minuto 71 chiede il rigore su una caduta di Papini in area ma per l’arbitro è simulazione ed il capitano giallorosso viene cacciato fuori per doppio giallo.

La squadra di Asta rimane in dieci uomini e tutto diventa ancora più difficile. Al 75° Incocciati si copre, richiama in panchina Bogliacino e manda in campo un difensore, Curcio che però si schiera sulla linea di centrocampo e il Martina passa al 4-4-2.

Asta risponde con Vècsei al posto di Beduschi e prova il tutto per tutto. A quattro minuti dal termina Pessina prende in posto di Liviero. Al minuto 88 Viotti si salva ancora sulla punizione battuta da Surraco. Al 90° arriva il pareggio del Lecce con Balint Vècsei che sfrutta una dormita della difesa, riceve sfera da Surraco, entra in area e calibra il tiro, angola la sfera e batte Viotti. Poi arrivano 5 minuti di recupero ma non accade più nulla. Il Lecce limita i danni e porta a casa un punticino.

TABELLINO

MARTINA FRANCA – LECCE 1-1

MARTINA FRANCA (4-3-3): Viotti; Allegra, Sirignano, Migliaccio, Rullo; Cristofari, Viola, De Lucia; Bogliacino (75° Curcio), Cristea (57° Baclet), Franchini (84°Schetter). A disp.: Simone, Zappacosta, Gabrielloni, Basso, Gaetani, Giura, Danese. All.: Incocciati

LECCE (4-3-3): Perucchini; Beduschi (77° Vècsei), Camisa, Freddi, Liviero (87° Pessina); Lepore, De Feudis, Papini; Carrozza (60° Cicerello), Diop, Surraco. A disp.: Bleve, Legittimo, Suciu, Gigli, Doumbia, Cosenza. All.: Asta

ARBITRO: sig. Antonio Giua di Pisa.

ASSISTENTI: sig. Stefano Cordeschi di Isernia e sig. Domenico Campitelli di Termoli.

MARCATORI: 28° Franchini (M), 90° Vècsei (L)

AMMONITI: 26° Beduschi (L), 36° Cristofari (M), 57° De Lucia (M), 63° De Feudis (L), 82° Freddi (L)

ESPULSIONE: per doppio giallo 50° e 71° Papini (L)

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.