Tempo di lettura: 2 minuti

indexLECCE – Saranno dei giorni di fuoco. Si prepara quindi l’imponente invasione dell’anticiclone africano “Flegetonte”, nome di uno dei fiumi dell’Ade nella mitologia Greca, che invaderà tutta l’Europa portando temperature africane su molte nazioni. La redazione web ilMeteo.it comunica che da mercoledì 1 luglio, il fiume caldo africano dell’anticiclone “Flegetonte”, inizierà a riversarsi sull’Italia. Temperature in aumento al Nord, al Centro e in Campania. I valori termici saliranno costantemente fino a lunedì 6 luglio, la giornata più calda. Il weekend poi sarà veramente infuocato con temperature sopra i 34/35 gradi su tutto il Nord, 39 gradi a Bolzano, 35/37 gradi a Roma, Firenze e Napoli. Oltre al caldo non dimentichiamoci dell’afa che aumenterà giorno dopo giorno. I temporali, brevi ed occasionali saranno relegati soltanto sulle Alpi e più raramente sugli Appennini.

Anche quest’anno ha preso il via il Sistema nazionale allarme ondate di calore sul sito del ministero della Salute, che ne permette la previsione, sorveglianza e prevenzione degli effetti. Dislocato in 27 città (Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona, Viterbo), consente di individuare, dal lunedì al venerdì, le condizioni meteo-climatiche che possono avere un impatto significativo sulla salute dei soggetti vulnerabili (anziani, malati cronici, bambini, donne in gravidanza).

I primi bollini arancione (allarme di secondo livello, che precede il livello tre rosso) sono per giovedì 2 luglio a Bolzano, Brescia, Milano e Torino. In base ai modelli previsionali vengono elaborati dei bollettini giornalieri per ogni città, in cui sono comunicati i possibili effetti sulla salute delle condizioni meteorologiche previste a 24, 48 e 72 ore. I bollettini sono pubblicati sul portale alla pagina Ondate di calore- Sistema nazionale di previsione allarme sino al 15 settembre 2015 e diffusi quotidianamente ai Centri di riferimento locali individuati dalle amministrazioni competenti, per l’attivazione in caso di necessità di piani di intervento a favore della popolazione vulnerabile.  Nel portale istituzionale del ministero sono pubblicati numerosi Opuscoli relativi alle ondate di calore, rivolti alla popolazione generale e agli operatori del settore (medici, personale delle strutture per gli anziani, personale che assiste gli anziani), in cui sono indicate misure e precauzioni da adottare, anche nei comportamenti quotidiani, per prevenire i rischi del grande caldo.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.