Tempo di lettura: 2 minuti

arte e cibo LecceLECCE (di Italo Aromolo ed Eleonora Galati) – Il cibo è arte e, come ogni forma d’arte, dà un senso alla nostra vita. Scandisce i nostri ricordi, determina le nostre sensazioni. Il cibo è poesia, scultura, pittura e musica allo stesso tempo. Il cibo è viaggio, è paesaggio, è luogo. Sperimentiamo. Cos’è un rustico leccese in un piatto? È sfoglia. È Piazza Sant’Oronzo alle 11:00 di un mattino di luglio. È pezzi di briciole inondate dal sole che brucia sul fondo dell’anfiteatro. È besciamella, il flusso caldo della nostra gente che cerca l’ombra. È pomodoro, il Sedile che si fa largo tra i vari elementi della piazza. È pepe, la colonna che troneggia su ogni ingrediente della sua dimora.

frisaCos’è una frisa in una passeggiata sul mare? È sapore. Un crepitio dorato che illumina il giorno, è sole. Un po’ di sale che si poggia a decorarla, è brezza. Il pomodoro che la disegna, l’olio che la colora: un paesaggio bellissimo in riva alle onde.

Cos’è il cimitero? Tristezza, dolore, morte. Ma non sempre. È la dolcezza di una fanfullicchia, il sorriso di un bambino che la guarda, l’estasi dello zucchero che la compone, attorcigliandosi nelle sue forme gialle, rosse, blu e verdi. E non si offendano i cipressi.

Lo stadio, poi. Il “Via del Mare”, passione di una vita, gusto di una domenica insipida. Che sia dolce, amaro o salato non importa. La palla corre, l’acquolina sale. Cross. Il boccone è vicino, un “Borghetti” per favore. Stop al volo. Il “passatiempo” (seme di zucca tostato) è sgusciato. Tiro, gol! Mai stato così buono…Pasticciotto

La forza, infine, trova suo completamento nella dolcezza, nella bellezza, nel pasticciotto. Un morso, uno soltanto di pastafrolla, separa dal Duomo. Solo un angolo e poi manca il respiro. Una crema densa di luci, da mangiare tutta d’un fiato. I bordi sottili, poco croccanti dei balconi, restano fermi a racchiudere un vento serale di piacere fatto di uova, farina e zucchero. Talvolta c’è gente nel Duomo, talvolta no, come l’aroma di limone. Ma le opere d’arte restano tali, anche senza dettagli. E quella in questione si conclude con un ultimo morso secco, uno sguardo alla chiesa, per poi deglutire compiaciuti dalla troppa sazietà di meraviglia.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.